Sei giorni dopo la frana siamo stati ad Ardesio per vedere come stanno le cose. Chi vive in montagna si sente sempre più abbandonato a sé stesso.

Lo svincolo per Bani regolamentato da un semaforo

Sei giorni dopo la frana caduta lungo la strada provinciale della Valle Seriana ad Ardesio bloccando il traffico e isolando di fatto i paesi a monte, siamo stati ad Ardesio per vedere come stanno le cose.

Tra i curiosi, che passano la giornata a vedere come lavorano gli operai rocciatori appesi sul masso, e i pendolari, costretti a percorrere la variante montana Bani – Novazza tra curve, strettoie e chilometri in più, la Provincia ha trovato una soluzione al transito dei mezzi pesanti che sarà consentito a fasce orarie (leggi qui).

Il malcontento comunque resta, perché chi vive in montagna si sente sempre più abbandonato a sé stesso come ci raccontano alcune persone in questi video.

L’ipotesi del valico della Manina

Una delle ipotesi viabilistiche di cui si parla in questi ultimi giorni è quella del valico della Manina, il progetto promosso dal gruppo di Romina Riccardi che si candiderà alle prossime elezioni amministrative a Valbondione.

“Il progetto sarà il nostro punto di forza – spiega Riccardi – e noi l’avevamo promosso prima della frana di Ardesio. Il valico, che collegherebbe l’alta Val Seriana alla Val di Scalve attraverso una strada panoramica costruita passando proprio per la Manina, avrebbe prima di tutto una valenza turistica, permettendo alle persone della Val di Scalve e della Val Canonica di raggiungere Valbondione. Alla luce di quanto successo sicuramente il collegamento intervallivo acquista anche un valore viabilistico non indifferente”.

Romina Riccardi esce dall’attuale minoranza di Valbondione e si candida con un gruppo rinnovato dal nome “Per la Valle con le Valli – Valbondione c’è”.

La lettera di Walter Semperboni

A far sentire il proprio dissenso anche Walter Semperboni, cittadino di Lizzola, da sempre alla ribalta delle cronache per il tema dei migranti e per altri temi riguardanti il comune di Valbondione.

Semperboni, che si candiderà nella lista di Romina Riccardi, è critico anche sull’apertura a fasce orarie che secondo lui crea una differenza tra gli automobilisti e i mezzi pesanti: “A me pare tutta una farsa, una quarantina di minuti e poi in questi orari perché non anche le auto?”

 

Gentilissima Redazione,

gradirei un piccolo spazio per denunciare lo stato di abbandono in cui le Istituzioni, per l’ennesima volta ci hanno lasciato. Mi riferisco alla frana caduta nel tratto di strada denominata “Ponte seghe”,strada che unisce il Comune di Ardesio con gli ultimi Paesi dell’alta Valle; Valle che vive di Turismo, di Lavoratori pendolari, di Aziende che per rifornirsi, hanno bisogno di mezzi pesanti che purtroppo non possono transitare sulla strada che unisce Bani a Novazza, usata in questi giorni per far fronte all’emergenza.
Ritengo paradossale che si parli di emergenza, ma da sabato ad oggi è cioè dopo ben 4 giorni,
non si scorfano operai e ditte che lavorino alacremente per ripristinare in tempi brevi la viabilità. Spiace e si rimane stupiti nell’ascoltare interviste dove amministratori asseriscano come non esista nessuna emergenza e pensino di avere svolto il proprio ruolo istituzionale, semplicemente condividendo un volantino con altri amministratori, che almeno gli ultimi hanno partecipato al summit tenutosi in quel di Ardesio. Ora in tutto questo bailamme si dice che la priorità debba essere la sicurezza, sicurezza che imporrebbe pure la prevenzione, visto che se la frana fosse caduta in un diverso orario, staremmo piangendo e parlando di tragedia, annunciata o meno, importerebbe poco.
Tra i tanti interrogativi, a cui vorremmo risposta da chi ci amministra e da chi ricopre ruoli istituzionali, se non ci fosse stata la “Bani-Novazza”, i Paesi dell’Alta Valle sarebbero completamente bloccati da ben quattro giorni e per quanti lo sarebbero ancora??
Si rimane altresì allibiti, stupiti ed amareggiati sentendo sindaci che senza empatia ed in senso spregiativo, dichiarino che questi malumori, siano solamente invenzioni da cavalcare nell’imminenza delle prossime elezioni amministrative.
Senonché non esista nessun calcolo elettorale, ma solamente il prodigarsi per il bene delle Nostre Vallate, cercando di colmare quel gap, quel divario dovuto a disinteresse e manifesta incapacità da parte di chi abbia accettato ruoli non consoni alla propria persona e personalità.
Da anni continuo nel dire come una Valle senza sbocchi non possa avere futuro, ritenendo che in molti periodi causa frane o valanghe rischiamo l’isolamento dal resto della Valle; Ecco il perché delle mie lamentele, lamentele che non sono fine a sé stesse visto che un ottima soluzione per toglierci da questo isolamento sarebbe creare il “Valico della Manina”, ed in questo preciso momento, a riguardo della frana, sarebbe auspicabile l’intervento del genio civile o militare per la posa momentanea di un ponte che ripristini la viabilità, nell’attesa della messa in sicurezza del movimento franoso. Terminò scrivendo ed urlando che pure a Noi Montanari vada data la stessa dignità nel  vivere il più possibile sereni sapendo di non essere in balia del tempo e del destino.
AD MAIORA, Semperboni Walter
Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.