info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Politica > MARONI: LA LOMBARDIA DEVE INNOVARE LA DOTE SCUOLA
Politica

MARONI: LA LOMBARDIA DEVE INNOVARE LA DOTE SCUOLA

– MILANO/REGIONE LOMBARDIA – “Un lavoro importante, che introduce significative innovazioni nel proseguire un’esperienza meritoria avviata in passato. Crediamo nel ‘buono scuola’, ha funzionato bene e vogliamo farlo funzionare ancora meglio”. Così il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha presentato il nuovo provvedimento ‘Dote Scuola’ deliberato dalla Giunta regionale. INTRODUZIONE DEL CRITERIO ISEE – Una delle […]

PALAZZO REGIONE LOMBARDIA

PALAZZO REGIONE LOMBARDIA– MILANO/REGIONE LOMBARDIA – “Un lavoro importante, che introduce significative innovazioni nel proseguire un’esperienza meritoria avviata in passato. Crediamo nel ‘buono scuola’, ha funzionato bene e vogliamo farlo funzionare ancora meglio”. Così il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha presentato il nuovo provvedimento ‘Dote Scuola’ deliberato dalla Giunta regionale.

INTRODUZIONE DEL CRITERIO ISEE – Una delle novità più importanti è l’introduzione in via sperimentale dell’indicatore Isee, al posto del precedente indicatore reddituale al fine di avere un unico indicatore socio-economico per tutte le politiche regionali. Una scelta, ha spiegato il presidente Maroni, “che ci consente di uniformare questo tipo di contributo a quelli che la Regione eroga in altri settori, per evitare di dare un contributo a chi già ne riceve per altri motivi e scongiurando il rischio di penalizzare qualcuno”. “Da oggi – ha aggiunto – partirà un sistema di monitoraggio, che terminerà a metà giugno, per valutare gli effetti della misura e per valutare eventuali correttivi”.

COERENTE CON VOCAZIONE LOMBARDIA – Altro aspetto della nuova ‘Dote Scuola’, secondo Maroni, “è la maggiore attenzione destinata alla ricerca e all’innovazione”. “Un cambiamento – ha evidenziato – in piena coerenza con la vocazione della nostra regione, capace di fare rete fra imprese, mondo della ricerca e università, attraendo investimenti e ‘cervelli'”. “Questa ‘grande alleanza’ – ha detto – è l’unica che può garantire sviluppo economico e benessere per il nostro territorio. Per questo stiamo investendo in questa direzione, mettendo risorse nei luoghi dove si formano i formatori, ossia nel mondo della scuola. Vogliamo premiare le eccellenze, privilegiando quelle che vanno verso l’innovazione”.

IMPEGNO CHE OTTIENE RISCONTRI – L’impegno profuso da Palazzo Lombardia, ha proseguito il presidente, “ha già riscosso l’interesse da parte del mondo delle imprese, come testimonia il caso Whirpool, e dell’universo accademico”. “Per la prima volta – ha osservato – stiamo riuscendo a mettere in rete le 13 università lombarde, con la Regione che gioca un ruolo da ‘play’, occupandosi del coordinamento e favorendo una stretta collaborazione fra gli istituti, a tutto vantaggio della crescita economica e del benessere della Lombardia”.

Martedì 4 febbraio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Da ieri mattina alle 5.30 la strada provinciale per Valbondione...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!