the hateful eightOtto sconosciuti in un’unica stanza, uno più sospettoso dell’altro, uno più pericoloso dell’altro. Siamo nella seconda metà dell’800 ed il cacciatore di taglie soprannominato “il boia” (Kurt Russel) sta trasportando la sua più recente preda (Jennifer Jason Leigh) a Red Rock, cittadina del Wyoming, per riscuotere il denaro che gli spetta.

Un’inattesa bufera però costringerà i due, a cui si sono aggiunti nel frattempo il maggiore Marquis Warren (Samuel L. Jackson) e lo sceriffo Mannix (Walton Goggins) a rifugiarsi presso l’emporio di Minnie: è proprio qui che si snoda il racconto, tra sospetti, ipotesi di complotto e ovviamente pallottole che volano. Chiaramente scritto, oltre che diretto, da Tarantino “The hateful eight” è neanche a dirlo il suo ottavo lavoro, un western che chiede allo spettatore una notevole pazienza nella prima parte (anche se Jackson e Russel sono una bellezza per gli occhi) ma che brilla incondizionatamente nella seconda, con dialoghi, caratterizzazioni fantastiche e quella violenza che non può di certo mancare. Quentin is back!

TITOLO: The hateful eight

GENERE: Western

REGIA: Quentin Tarantino

CAST PRINCIPALE: Samuel L. Jackson, Kurt Russel, Jennifer Jason Leigh, Tim Roth, Michael Madsen

ANNO: 2015

DURATA: 167 min

VALUTAZIONE: 8-/10

IMPEGNO RICHIESTO: Medio

CURIOSITA’: La chitarra distrutta da Kurt Russel nel film era un’autentica chitarra Martin del 1870 (valore inestimabile) prestata dal Martin Guitar Museum: originariamente lo strumento doveva essere sostituito da una copia nella scena della distruzione, ma per un disguido non fu comunicato a Russel, che proseguì come da copione. In seguito all’incidente, il museo non presterà più strumenti antichi alle troupe cinematografiche.

QUOTE: “La giustizia applicata senza assenza di passione corre il rischio di non essere giusta”

Rubrica a cura di Thomas Poletti – silenzioinsala.tumblr.com

 

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.