ll Circolo Fotografico “Foto93” di Villa d’Ogna, in collaborazione con Armonie sull’Alto Serio e Sebino presenta la mostra fotografica di Giuliano Zanoletti, Isabella Pellegrini e Francesco Bellini dal titolo: “Mani”. Le mani raccontano storie. Sono loro le assolute protagoniste della mostra fotografica che verrà inaugurata domenica 21 febbraio alle ore 15.30 presso il museo MEtA di Ardesio.

Le mani sono il nostro strumento per conoscere il mondo: servono ad esplorare, sentire, comunicare. Così come i volti, anche le mani possono raccontare delle storie, il vissuto delle persone: il lavoro, le passioni, la fatica, le emozioni; insomma, il tempo che passa e il segno che lascia sui corpi delle persone.

Questo progetto fotografico nasce dalla passione comune di tre amici, amanti della fotografia, di voler raccontare attraverso i propri scatti una storia “minore”, incentrata su un solo particolare. E così, da una serata in compagnia nasce l’idea: “perchè non fotografiamo le mani?!”.  

Macchina fotografica alla mano, ognuno degli autori ha interpretato il tema secondo la propria sensibilità e il proprio modo di vedere il mondo. Pian piano, scatto dopo scatto, ha iniziato così a prendere forma il progetto comune, che sfocia oggi nella mostra “Mani”. 

locandina“I gesti che si fanno con le mani sono gesti quotidiani che passano inosservati per la loro quotidianità, la loro semplicità – spiega Francesco Bellini, uno degli autori -, volevamo valorizzare queste azioni così comuni ma nel contempo così molteplici e importanti”. 

“Adoro le mani vecchie – commenta Isabella Pellegrini, autrice -, quelle vissute che hanno lavorato, quelle che portano i segni di una vita intera”. 

Scatti che colgono istanti estremamente diversi fra loro in cui il visitatore, soffermandosi ad osservarle, potrà lasciarsi andare ai ricordi e alle emozioni. 

“Si tende sempre a dare per scontata l’importanza che hanno le mani – spiega Giuliano Zanoletti, autore -, praticamente abbiamo bisogno delle mani per ogni cosa che facciamo, eppure ce ne dimentichiamo”. 

La mostra resterà aperta al pubblico fino al 10 aprile 2016, si potrà visitare negli orari di apertura del museo il sabato, la domenica e i giorni festivi dalle 16 alle 18. Per maggiori informazioni consultare il sito internet  o la pagina Facebook del Circolo “Foto93”.

 

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.