Chiusura del punto nascite di Piario. Anelli (Lega): “Scelta del Governo a guida PD. I consiglieri Lega bergamaschi si attiveranno per lo stanziamento di risorse aggiuntive”.

Roberto Anelli – Lega

“La chiusura del punto nascite di Piario? Una scelta sicuramente dolorosa ma sfortunatamente le risposte giunte a fine 2017 dal Ministero della Salute a guida Centrosinistra sono state totalmente negative: la richiesta di deroga, non solo per Piario ma per la maggior parte dei punti nascita al di sotto dei 500 parti, non è stata accolta”. Così il Capogruppo del Carroccio al Pirellone, il bergamasco Roberto Anelli, commenta la chiusura del punto nascite di Piario.

“Va da sé”, prosegue Anelli, “che la decisione di non mantenerli non deriva da una mancanza di volontà da parte di Regione Lombardia ma da una precisa indicazione ministeriale”.
“A coloro i quali oggi si stracciano le vesti accusando la Regione di non aver fatto tutto il necessario chiediamo dove fossero nel 2017 quando Roma ha optato per questa scelta drastica e infelice. Erano forse talmente impegnati in campagna elettorale da non pensare più al problema di Piario?”, prosegue il consigliere del Carroccio.

Che conclude: “Da parte mia e dei consiglieri della Lega di Bergamo garantiremo un’attenzione particolare perché vengano stanziate risorse aggiuntive per l’Ospedale di Piario, in modo da fugare qualsiasi dubbio che il presidio ospedaliero a poco a poco possa essere chiuso”.

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.