Marco Zanchi per la seconda volta conquista l’Orobie Ultra Trail, alle sue spalle Oliviero Bosatelli.

Marco Zanchi all’arrivo – foto Matteo Zanardi

Dopo la vittoria nella prima edizione del 2015, Marco Zanchi, l’atleta di Cene del Team Vibram, questa mattina in Città Alta ha conquistato la quarta edizione dell’Orobie Ultra Trail centrando il record assoluto 23h14’31”. Alle sue spalle ha concluso la gara in 24h05′ Oliviero Bosatelli dell’E Rock Team, il vigile del fuoco di Gandino vincitore della seconda edizione.

Oliviero Bosatelli all’arrivo

Per la femminile, continua a essere in testa Giulia Vinco, appena transitata a Capanna 2000, seguita da Emanuela Tonetti.

Venerdì 27 luglio

Ha preso il via questo venerdì mattina alle 10:15 da Piazza Orologio a Clusone, la quarta edizione dell’Orobie Ultra Trail. Oltre 300 gli atleti al nastro di partenza, provenienti da 33 nazioni.

Fra i favoriti il campione di casa già vincitore nel 2016, il vigile del fuoco di Gandino Oliviero Bosatelli che si contende la gara con il varesino Andrea Macchi, vincitore nel 2017, e con l’altro atleta della Val Seriana Marco Zanchi, vincitore della prima edizione.

Attorno alle 15 Marco Zanchi, Andrea Macchi e Oliviero Bosatelli sono transitati per primi al Passo della Manina in territorio di Lizzola, con un buon margine di vantaggio sui diretti inseguitori.

Stessa sequenza anche ai passaggi successivi: in particolare alle 22 Andrea Macchi, dopo aver percorso 65 km dunque circa metà gara, è transitato al rifugio Calvi con qualche minuto di distacco su Zanchi (in seconda posizione) e su Bosatelli (in terza posizione).

L’Orobie Ultra Trail è un evento classico di questa disciplina. Tutti gli atleti, anche i molti provenienti dall’estero, hanno confermato nel corso degli anni la bellezza e la tecnicità del suo percorso, che si snoda per ben 140 chilometri, partendo dalle Alpi Orobie e arrivando nel borgo medievale di Città Alta.

A questo link è possibile seguire la diretta della gara.

Il video della partenza

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.