Inaugurata a Premolo la mostra “Voci sepolte nell’oblio della memoria” dedicata agli internati di guerra e alle loro famiglie. Resterà aperta nei weekend di agosto dalle 17 alle 19.

E’ stata inaugurata sabato 4 agosto e resterà aperta nei weekend di agosto dalle 17 alle 19, la mostra “Voci sepolte nell’oblio della memoria” dedicata agli internati di guerra e alle loro famiglie. Ad ospitarla l’albergo Alprimolus di Premolo.

“La mostra è presente nel comune di Premolo – spiega Maurizio Monzio Compagnoni referente ANRP (l’Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia, dall’Internamento, dalla Guerra di Liberazione e loro familiari) Valle Seriana -, in quanto come la totalità dei paesi della nostra provincia, ha avuto decine di militari e civili deportati e internati nei Lager tedeschi. La presenza è frutto della preziosa collaborazione con l’amministrazione comunale di Premolo e il gruppo alpini locale, che ringrazio fortemente e che mi auguro di trovare in tutti i paesi non ancora contattati.

La mostra è composta da pannelli alcuni dei quali riguardano nello specifico la realtà di Premolo permettendo di ripercorrere le vite e un’importante pezzo di storia del piccolo comune dell’alta Val Seriana.

Presenti all’inaugurazione il Sindaco Omar Seghezzi, il capogruppo degli Alpini Marco Titta, il coordinatore Diego Morstabilini e numero parenti degli ex internati.

Tra i deportati “illustri” di Premolo, don Antonio Seghezzi deceduto a Dachau e Giovanbattista Trussardi deceduto anch’esso in prigionia.

Qui sotto è possibile leggere la storia dei deportati premolesi.

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.