info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Atto vandalico al cimitero di Rovetta, Fratelli d’Italia “I morti vanno rispettati”
Cronaca, Politica, ROVETTA

Atto vandalico al cimitero di Rovetta, Fratelli d’Italia “I morti vanno rispettati”

I militanti del circolo Valle Seriana di Fratelli d’Italia hanno deposto una bandiera tricolore ai piedi della croce in ricordo dei 43 ragazzi della Tagliamento, profanata nei giorni scorsi. “I morti vanno rispettati”, dichiarano i rappresentanti. Quest’oggi alcuni militanti del circolo Valle Seriana di Fratelli d’Italia si sono recati al cimitero di Rovetta e hanno […]

I militanti del circolo Valle Seriana di Fratelli d’Italia hanno deposto una bandiera tricolore ai piedi della croce in ricordo dei 43 ragazzi della Tagliamento, profanata nei giorni scorsi. “I morti vanno rispettati”, dichiarano i rappresentanti.

Il tricolore posato sotto la croce

Quest’oggi alcuni militanti del circolo Valle Seriana di Fratelli d’Italia si sono recati al cimitero di Rovetta e hanno deposto una bandiera tricolore ai piedi della croce in ricordo dei 43 ragazzi della Tagliamento profanata con un atto vandalico. In particolare ignoti hanno danneggiato il volto di Benito Mussolini e le bandiere della Legione e della RSI.

“Ci auguriamo che nei prossimi giorni le autorità competenti trovino i responsabili – dichiarano i rappresentanti di Fratelli d’Italia  – perché non si può accettare una barbarie di questo tipo in un cimitero pubblico. Il rispetto per i morti, di ogni parte e colore politico, dovrebbe essere alla base di ogni società che si definisce civile”.

La croce dei 43 militi della prima Divisione d’Assalto “M” della Legione Tagliamento uccisi nella notte tra il 27 e il 28 aprile 1945, era già stata presa di mira e ripristinata in passato.

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

  • Tom ha detto:

    Ma vi siete informati almeno un pochino ma poco poco, degli atti disumani e feroci commessi da questi”ragazzi”camicie nere, prima di essere fucilati in quel di Rovetta?! Informatevi va che é meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Nei primi anni '70 la rivoluzione femminista inizia ad ottenere...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!