La lettera eretica di Galileo: l’eccezionale scoperta del professore Salvatore Ricciardo dell’Università degli studi di Bergamo, in una serata di approfondimento al Fantoni di Clusone.

Venerdì 30 novembre alle ore 20.30, l’Istituto Superiore Statale “A. Fantoni” di Clusone ospiterà l’evento dal titolo “La scoperta della lettera eretica di Galileo a Benedetto Castelli: alle origini del conflitto tra scienza e religione”.

Il prof. Salvatore Ricciardo dell’Università degli studi di Bergamo, che recentemente ha rinvenuto a Londra l’autografo della celebre lettera di Galileo a Benedetto Castelli del 21 dicembre 1613, presenterà i risultati della sua scoperta. 

In questa lettera di inestimabile valore Galileo esponeva per la prima volta le sue idee sui rapporti tra scienza e religione, difendeva il sistema copernicano dalle accuse di inconciliabilità con la Bibbia e rivendicava la necessità di una fondazione autonoma della ricerca scientifica. Si tratta della scoperta più importante negli studi galileiani degli ultimi decenni, poiché finora la lettera era nota soltanto attraverso copie. Il ritrovamento della lettera originale di Galileo getta nuova luce sui suoi intricati rapporti con la curia romana e sulle ragioni che portarono la Chiesa a condannare nel 1616 il sistema copernicano. L’autenticazione della lettera, che è consistita in un accurato lavoro di analisi testuale, anche di tipo grafologico, è stata resa possibile anche grazie a Michele Camerota dell’Università di Cagliari. 

Questa scoperta lascia intravedere sviluppi innovativi nella ricostruzione e nell’interpretazione degli eventi successivi alla sua stesura. In particolare, il suo ritrovamento farà emergere nuovi elementi sul “primo processo” a Galileo del 1616, quando allo scienziato venne intimato dal cardinal Bellarmino, una figura di spicco dell’Inquisizione romana, di abbandonare e non difendere più l’astronomia copernicana. 

All’incontro saranno presenti il prof. Salvatore Ricciardo, il prof. Franco Giudice, direttore del progetto di ricerca, il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, prof. Remo Morzenti Pellegrini, e il dirigente scolastico dell’Istituto Superiore A. Fantoni, dott.ssa Annalisa Bonazzi. L’evento è aperto al pubblico. 

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.