Festa per Santa Barbara con i vigili del fuoco di Gazzaniga. Mattinata con la Santa Messa e il pranzo. Un minuto di silenzio per i colleghi scomparsi e per le vittime di Corinaldo.

Commovente mattinata al distaccamento dei vigili del fuoco di Gazzaniga dove è stata celebrata la tradizionale Santa Messa per Santa Barbara, patrona dei pompieri. Presenti i vigili del fuoco volontari e permanenti anche degli altri distaccamenti della provincia. 

Durante l’omelia e nei saluti finali le autorità presenti hanno ricordato i colleghi scomparsi negli ultimi episodi di cronaca, tra cui Stefano Colasanti, il vigile del fuoco morto nell’esplosione sulla Salaria. Un minuto di silenzio anche per le vittime della tragedia di ieri sera nella discoteca a Corinaldo vicino ad Ancora, dove hanno perso la vita 5 giovanissimi e una mamma.

Il minuto di silenzio

A prendere la parola l’assessore regionale Lara Magoni, promotrice (quand’era in consiglio regionale) del primo contributo di Regione Lombardia per i vigili del fuoco volontari, come sono quelli del distaccamento di Gazzaniga. Dopo di lei il sindaco di Gazzaniga Mattia Merelli ha ribadito l’importanza del gruppo di Gazzaniga che è operativo in tutto il territorio provinciale con il maggior numero di interventi  in tutta la media Val Seriana. Proprio per questo motivo il contributo dato al distaccamento dai cinque comuni del distretto di Honio (Colzate, Vertova, Fiorano al Serio, Gazzaniga e Cene) è stato esteso ai comuni della Val Gandino che unitamente hanno risposto positivamente.

Lara Magoni
Mattia Merelli

Ad elencare il numero degli interventi il responsabile del distaccamento Manuelo Chiodi: 322 sono state le uscite nel 2018 in circa 80 comuni della provincia di Bergamo. Il maggiori numero di interventi si sono svolti ad Albino (42), Gazzaniga (35) e Vertova (20). Numerosi, oltre agli incendi, gli interventi a soccorso persone, sia in incidenti che in abitazioni. “Nel 2018 il nostro organico formato da circa 20 persone – ha spiegato Chiodi – ha messo a disposizione 2377 ore che possono sembrare poche ma vi assicuro che l’impegno che ci è richiesto è sempre tanto e noi ci mettiamo il massimo del nostro impegno. Grazie a chi ci sostiene e a chi ah preso parte a questa mattinata di festa”.

Manuelo Chiodi
La caserma

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.