Concerto e sacrestia aperta: nel weekend Casnigo celebra San Sebastiano, Patrono Civico.

Tornata in auge nel 2010, si ripete fra sabato 19 e domenica 20 gennaio a Casnigo la festa di San Sebastiano. Si tratta della particolare ricorrenza del “patrono civico”, una devozione avviata nella prima metà del ‘600, quando fu invocata la protezione del Santo contro le epidemie ed, in particolare, a seguito della pestilenza del 1630.

San Sebastiano fu ringraziato dal Comune locale attraverso l’erezione dell’altare a lui dedicato nella chiesa arcipresbiterale di San Giovanni Battista. Qui spicca la pala opera di Antonio e Giuseppe Ceresa che comprende fra l’altro l’antico stemma del comune di Casnigo, con raffigurato un giovane toro, cui si deve probabilmente il soprannome “bogì” (vitellini) attribuito ai casnighesi.

Sabato 19 gennaio alle 20.45 a far da importante preludio alla festa sarà, nella chiesa arcipresbiterale di San Giovanni Battista, il concerto d’ottoni proposto dal Quintet Brass Mousiké. Si tratta di una formazione nata dall’incontro fra cinque musicisti Gli ottoni di Carrara (trombone), Bernardi (tuba), Servalli (corno), Maffeis (tromba) e Guerini (tromba) vantano oltre 160 esibizioni in ventisei anni di attività, che hanno visto il Quintett Brass Mousikè spaziare con maestria fra musica da camera, concerti classici, performances con brani moderni e contemporanei, caffè concerto, musica da cerimonia e lezioni concerto, in occasioni che lo hanno portato sui palchi di tutte le più importanti manifestazioni bergamasche e in parecchi eventi di livello nazionale.

Domenica 20 gennaio alle 10 la solenne celebrazione eucaristica sarà presieduta dall’arciprete don Giuseppe Berardelli e animata dalla Corale Madonna d’Erbia diretta da Salvatore Cortinovis, dal Corpo Musicale Angelo Guerini diretto da Mario Bosio e dalle esecuzioni all’organo di Nicola Ruggeri.  Si ripeterà durante la celebrazione il gesto dell’accensione del cero all’altare di San Sebastiano da parte del sindaco Enzo Poli, che effettua in personale esordio in questo ruolo. La mattinata si chiuderà alle 11.15 in piazza San Giovanni Battista dove l’arciprete impartirà la benedizione ai veicoli, stante la recente ricorrenza di S.Antonio Abate.

Nel pomeriggio, dalle 15 alle 17, sarà aperta al pubblico per visite guidate gratuite l’antica sacrestia lignea settecentesca opera di Ignazio Hillipront, riportata all’antico splendore da importanti restauri effettuati negli ultimi anni. Saranno esposti per l’occasione quadri, arredi e paramenti sacri di cui la Parrocchia dispone ma che, per mancanza di spazio, non godono di adeguata esposizione. Nel 2011 la Sacrestia di Casnigo è stata inserita dal FAI fra i “Luoghi del cuore”, grazie a ben 2.445 segnalazioni. Il programma completo della festa patronale è disponibile su www.lecinqueterredellavalgandino.it.

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.