Lombardia, Legge funeraria: discusse nuove norme al Pirellone. Gli animali d’affezione potranno essere tumulati coi padroni.

Con 41 voti favorevoli, 29 voti contrari e un astensione, il Consiglio regionale della Lombardia mercoledì 20 febbraio ha approvato il progetto di legge in materia di servizi necroscopici e funerari. Il testo regola numerosi aspetti del periodo post mortem di persone e animali modificando la parte del Testo Unico in materia di sanità relativa ai servizi funebri e cimiteriali.

Tra le materie incluse, la gestione dei feti derivanti dalle interruzioni volontarie di gravidanza, l’introduzione di nuove norme in materia di medicina legale, polizia mortuaria e attività funebre e la possibilità di seppellire gli animali domestici insieme ai propri cari.

Commenta il consigliere regionale del Carroccio Monica Mazzoleni: “Abbiamo lavorato molto in Commissione a questo Progetto di Legge che modifica ed integra una normativa ormai datata, vecchia di dieci anni, e che introduce importanti novità per quanto riguarda i servizi funebri e cimiteriali. L’impegno che abbiamo profuso come consiglieri ci ha portato a giungere ad un buon risultato che aggiorna e completa il testo unico sulle leggi in materia di sanità lombarda, promosso dalla scorsa legislatura”.

“In particolare”, prosegue Mazzoleni, “abbiamo previsto di delineare in maniera più efficace alcuni requisiti richiesti alle imprese che svolgono attività funebri, introducendo le definizioni delle case funerarie e le disposizioni delle attività di medicina legale e di polizia mortuaria”.

“Un particolare aspetto”, continua il consigliere del Carroccio, “riguarda la questione degli animali da affezione che, con il crescere nella nostra Regione di una sensibilità animalista, potranno essere tumulati nello stesso loculo del defunto proprietario o nella tomba di famiglia, previa cremazione e su richiesta degli eredi. Quello della tumulazione degli animali d’affezione è un tema che negli ultimi anni riscuote sempre maggiore interesse anche da parte del territorio; ricalcando un’usanza americana, anche nel nostro Paese vi è chi si è ingegnato a proporre servizi funebri per gli animali. Si tratta di prestazioni perlopiù offerte da persone che, dietro pagamento, si occupano della tumulazione in lotti di terreno privati dei nostri beniamini. Oggi questo Progetto di Legge norma anche questo aspetto, sinora caotico, rispettando altresì la sensibilità di tutte quelle persone che, per i più svariati motivi, hanno deciso di ospitare in casa un animale da compagnia, creando un legame affettivo che non vogliono che si interrompa nemmeno dopo la morte del proprio animale”.

“Il presente testo di legge adegua altresì gli aspetti funebri e cimiteriali al nuovo impianto normativo sulle ripartizioni di competenze fra ATS e ASST. Le attività di polizia mortuaria restano competenza delle ATS, mentre medicina legale e necroscopia vengono attribuite alle ASST, facendo quindi chiarezza su questi importanti aspetti”, conclude Mazzoleni.

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.