Nominato il CdA della Fondazione Honegger per il prossimo triennio. L’avvocato Delia Camozzi è il nuovo presidente.

È l’avvocato Delia Camozzi il nuovo presidente della Fondazione Honegger. Lo ha eletto il consiglio di amministrazione nel corso della seduta di insediamento, svoltasi il 28 giugno, tre giorni dopo la sua nomina, effettuata dal sindaco di Albino Fabio Terzi.

Delia Camozzi, 58 anni, sposata e madre di due figli, già presente come consigliere in due mandati precedenti, dal 2011 al 2016, subentra nella carica a Tiziano Vedovati, che ha lasciato l’incarico lo scorso 24 giugno, alla scadenza del suo mandato.

Conosciuta e stimata per la sua professione di avvocato, Delia Camozzi non è un nome nuovo della vita politico-amministrativa albinese. Già assessore agli affari generali e ai rapporti con le società partecipate, dal 2004 al 2009, nella giunta del sindaco Giacomo Rizzi, e per un anno, dal 2004 al 2005, delegato ai rapporti con la Fondazione Honegger, era presente anche nella scorsa tornata elettorale nella lista di Civicamente Albino, vincitrice delle elezioni insieme a Lega Nord e SiAmo Albino. 

Il nuovo presidente sarà affiancato da Stefano Vismara, in qualità di vicepresidente, e dai consiglieri Davide Carrara, Ivo Lucchetti, Flavia Belotti.  Il CdA durerà in carica tre anni, quindi fino al 27 giugno 2022. 

“Sono onorata di questa nomina, sinceramente non me l’aspettavo – afferma la neopresidente avv. Delia Camozzi – Esprimo la mia gratitudine al CdA per la fiducia che mi ha accordato. Assumo questo incarico con senso di responsabilità e spirito di servizio, per il bene della Fondazione, ma soprattutto degli ospiti e dei famigliari. Insieme al CdA e a tutto il personale che vi opera, mi impegnerò a garantire la miglior assistenza possibile e cercherò di rendere la struttura una realtà sempre più inserita nel contesto cittadino. Gli ospiti in primis e i loro familiari saranno al centro delle attività di tutto il personale e del CdA della Fondazione. In Casa Honegger e nella Struttura Protetta troveranno un luogo privilegiato, attento ai loro bisogni, funzionale nei servizi, ricco di competenze professionali, dove poter vivere con pienezza la loro vita. Su questa sfida tutto il CdA ha dimostrato fin da subito entusiasmo e ampia condivisione”. 

Chiare le linee di gestione della Fondazione: completamento dei lavori di ristrutturazione del piano terra ed ampliamento del primo piano di “Casa Honegger”; ottimizzazione dei diversi servizi interni, a favore sia degli ospiti che dei cittadini albinesi, per aumentarne la qualità; incentivazione delle politiche di scambio ed integrazione tra la Fondazione e la comunità di Albino; attenzione alle nuove necessità del territorio; sviluppo dei rapporti con le realtà socio-sanitarie sovracomunali.

“Auguro un buon lavoro al CdA – prosegue Delia Camozzi – perché la Fondazione, che ha una nobile tradizione di servizio alle famiglie, possa continuare il suo percorso, integrandosi sempre di più nel tessuto della comunità che non è solo quella del Comune di Albino, ma anche degli altri della Val Seriana. E un augurio di buon lavoro a tutto il personale e ai volontari, risorsa preziosa per l’operatività della Fondazione”.

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.