Le ragioni dei pensionati, mercoledì un presidio davanti alla Prefettura di Bergamo dopo la manifestazione nazionale del 16 novembre.

SCIOPERO

Dopo aver partecipato alla grande manifestazione nazionale del 16 novembre al Circo Massimo a Roma, ora i sindacati dei pensionati SPI-CGIL, FNP-CISL e UIL-Pensionati di Bergamo tornano a mobilitarsi sul territorio provinciale.

Mercoledì 4 dicembre dalle ore 10.00 alle ore 11.30 è stato organizzato un presidio di fronte alla Prefettura di via Tasso.

“Chiederemo al Prefetto di portare all’attenzione del Governo le richieste da inserire nella Legge di bilancio in discussione in Parlamento” hanno spiegato questa mattina Augusta Passera dello SPI-CGIL, Caterina Delasa di FNP-CISL e Emanuele Dalfino di UIL-Pensionati di Bergamo. “Insieme alle segreterie confederali di CGIL, CISL e UIL, invitiamo tutti a partecipare per sostenere tre rivendicazioni precise: la piena rivalutazione delle pensioni di importo fino a 7 volte il trattamento minimo; l’allargamento della platea dei beneficiari della 14mamensilità oltre il limite attuale dei mille euro; una legge di civiltà che aiuti le persone e le famiglie ad affrontare il dramma della non autosufficienza“.

Il numero dei pensionati in provincia

A Bergamo e in provincia, i pensionati, cioè tutti coloro che percepiscono uno o più trattamenti pensionistici, sono circa 276.000. Il 51,5% circa è rappresentato da donne e il 48, 5% da uomini.

Complessivamente sono poco meno del 25% della popolazione bergamasca. “Rappresentano quindi una fetta consistente e importante del nostro tessuto demografico, che sostiene (e ha sostenuto in questi anni di crisi) le condizioni economiche e sociali dei più giovani” proseguono i tre sindacalisti.

“Lo ha fatto con valori quantificati ben al di sopra dei più recenti interventi di sostegno al welfare. In provincia di Bergamo un pensionato percepisce mediamente più di un trattamento pensionistico (precisamente 1,37 trattamenti ciascuno) mentre molte persone anziane non percepiscono alcunché. Particolarmente critico è il dato delle diversità economiche tra uomini e donne: complessivamente il 35% di chi percepisce uno o più assegni in provincia sta sotto la soglia dei 1.000 euro al mese, ma se guardiamo solo le donne questa percentuale sale quasi al 50%. E se osserviamo chi percepisce meno di 1.000 euro al mese vediamo che le donne sono ben il 72,5 % del totale”.

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.