info@valseriananews.it
Valseriana News > EVENTI > Epifania con il Presepe vivente di Orezzo
EVENTI, GAZZANIGA Media Valle

Epifania con il Presepe vivente di Orezzo

Per le vie del borgo di Orezzo di Gazzaniga il 6 gennaio torna il tradizionale Presepio vivente con antichi mestieri e degustazioni. Il borgo di Orezzo di Gazzaniga torna ad animarsi il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, con il Presepio vivente: anche quest’anno dalle 14 le numerose comparse animeranno via Leone XIII in un percorso che […]

Per le vie del borgo di Orezzo di Gazzaniga il 6 gennaio torna il tradizionale Presepio vivente con antichi mestieri e degustazioni.

Il borgo di Orezzo di Gazzaniga torna ad animarsi il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, con il Presepio vivente: anche quest’anno dalle 14 le numerose comparse animeranno via Leone XIII in un percorso che porta alla Natività. La manifestazione terminerà attorno alle ore 17.30, quando la Sacra Famiglia si avvierà verso la chiesa per la S. Messa dell’Epifania in chiusura delle feste.

Il Presepe vivente di Orezzo si svolge ogni 6 gennaio da 26 anni grazie alla collaborazione delle famiglie che mettono in scena gli antichi mestieri nei cortili e nelle stalle che riportando direttamente alla vita quotidiana di inizio Novecento.

Numerose sono le postazioni allestite lungo via Leone XIII dove si possono ammirare fabbri, impagliatori, boscaioli, lavandaie e artigiani al lavoro. Non mancano alcuni punti di ristoro con bevande calde e assaggi di prodotti locali. Presenti diversi animali come asini, capre, pecore e cavalli.

Il percorso culmina con la visita alla Natività: una famiglia impersonifica Maria, Giuseppe e il piccolo Gesù, in una vecchia stalla al calore di mucche e cavalli.

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

  • Gianluigi brambilla ha detto:

    Stupendo perché e semplice, non artefatto…mestieri veri, in esecuzione al momento, così come il cibo che offrono, polenta concia con vero burro, frittelle saltafô, croccanti fatti al momento , casoncelli…tutto gratis…solo un’offerta per la parrocchia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Meningite, vaccini nei paesi limitrofi per arginare i casi di...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!