info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Rovetta, ritardi degli autobus che trasportano studenti
Cronaca, ROVETTA Alta Valle

Rovetta, ritardi degli autobus che trasportano studenti

A Rovetta disagi legati a ritardi degli autobus che trasportano studenti. Il sindaco: “Ci scusiamo e ricordate che il servizio è gratuito”. A Rovetta disagi legati a ritardi degli autobus che trasportano gli studenti dalle località periferiche della Conca Verde e San Lorenzo, agli istituti scolastici. A comunicarlo, attraverso la pagina Facebook del comune di […]

A Rovetta disagi legati a ritardi degli autobus che trasportano studenti. Il sindaco: “Ci scusiamo e ricordate che il servizio è gratuito”.

A Rovetta disagi legati a ritardi degli autobus che trasportano gli studenti dalle località periferiche della Conca Verde e San Lorenzo, agli istituti scolastici.

A comunicarlo, attraverso la pagina Facebook del comune di Rovetta, il sindaco Mauro Marinoni che spiega: “Ieri si è verificato un serio disagio per i ragazzi a causa del ritardo nel passaggio del pulman. Ci scusiamo per i ritardi, dovuti sia ad un guasto su un pulman che al numero di utenti su altro mezzo. Fortunatamente la situazione oggi dovrebbe essersi normalizzata”.

“Facciamo presente – aggiunge però il primo cittadino- che il servizio è gratuito e che costa al comune e pertanto a tutta la collettività ben oltre 35000 euro all’anno. Ma non sussiste alcun all’erogazione di questo servizio. E’ una scelta politica finalizzata ad agevolare le famiglie ed i ragazzi che risiedono alla Conca Verde ed a San Lorenzo. Non è possibile raddoppiare i mezzi utilizzati per il servizio poiché ciò significherebbe il raddoppio dei costi con una situazione insostenibile. Non è l’Amministrazione che fa uno sforzo per sostenere i costi, ma tutta la comunità”.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Ospedale Papa Giovanni, nuove risorse per il Centro di Ricerca...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!