info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Auto nel posto disabili: agente si toglie la vita dopo gli insulti sui social
Cronaca Bergamo

Auto nel posto disabili: agente si toglie la vita dopo gli insulti sui social

Auto della Polizia Locale parcheggiata nel posteggio per disabili: agente si toglie la vita dopo gli insulti sui social.

Tragedia a Palazzolo in provincia di Brescia, un agente della Polizia Locale si è tolto la vita sparandosi con la pistola d’ordinanza.

Tutto risale al 26 gennaio scorso quando l’agente aveva parcheggiato l’auto di servizio nel posteggio per disabili in città a Bergamo, nei pressi della sede dell’Università di via Caniana.

L’auto era stata fotografata dal presidente dell’Anmic e in seguito pubblicata sui social, scatenando una serie di insulti dei confronti dell’agente di polizia.

Questa mattina il gesto estremo nella sede del Comune a Palazzo sull’Oglio. L’uomo, nonostante le scuse espresse attraverso una lettera e il pagamento di una multa di 100 euro, era entrato in depressione. Questa mattina si è tolto la vita sparandosi.

(Foto repertorio)

Tutti i diritti riservati ©

15 Commenti

  • Walter ha detto:

    Siamo ridotti male. Suicidarsi per degli insulti sui Social (per quanto deprecabili. Dopo una semplice infrazione…
    Dove sono i valori circa l’importanza di una vita, che dovrebbero essere ben presenti in chi veste una divisa?
    Che devono pensare i suoi familiari? C’è qualcosa che non va…

  • ???? ha detto:

    Che omuncolo, neanche sà, che l’onore un tempo era uno dei primi valori/ideali della vita.
    E per coloro che portano una divisa dovrebbe ancora esserlo…

    • Mario ha detto:

      Questione di punti di vista signor…???
      Per me sono omuncoli coloro che si nascondono dietro una tastiera e si permettono di giudicare e offendere quasi sempre senza nemmeno conoscere i fatti.

  • ???? ha detto:

    Si, perchè mario vuol dire molto…
    Metta anche un cognome vero che si possa verificare e dopo forse potrà far certi commenti.
    Ps questo vale anche per il Water a cui andava mio commento…

    • ???? ha detto:

      Pardon, ho scritto water al posto di walter.
      Ma non cambia molto comunque…

    • Mario ha detto:

      Già… io devo mettere nome e cognome, per criticare un commento che ritengo totalmente inadeguato e offensivo, nei confronti di una persona deceduta in modo tragico.
      Lei invece manco uno pseudonimo, per tirare fango su una tragedia di cui non conosce nulla.

      • ???? ha detto:

        Mario forse non hai capito, il mio commento era in risposta al commento di walter.
        Rileggi bene ciò che ho scritto.

        • Mario ha detto:

          Se ho interpretato male chiedo scusa, tuttavia leggendo il suo primo commento, sembrerebbe diretto al vigile tragicamente scomparso. Buona giornata.

          • ???? ha detto:

            Ha interpretato male.
            Ho vestito una divisa per parecchio, sò di cosa scrivevo, e sò/ho capito perfettamente il gesto estremo dell’agente in questione.
            Un VERO Uomo in divisa!

  • guerino ha detto:

    … ne uccide più la lingua che la spada… Non pensiamo, io compreso, che a volte le nostre invettive colpiscono persone fragili e che fanno di una “piccolissima vergogna” un grande problema… diamoci una calmata. Condoglianze ai familiari dell’agente di polizia, sicuramente una persona per bene.

  • Cristian ha detto:

    Mi sembra veramente estremo suicidarsi per una cosa del genere…magari e stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso

  • Delia ha detto:

    Chi ha fatto più male?lui che ha parcheggiato nel posto sbagliato o quelle belle persone che sanno solo scrivere cretinate ,cattiverie gratuite tanto da portare un uomo a fare un gesto simile?ma cosa stiamo diventando dietro a una tastiera ?

  • GUIZZETTI GIOVANNI ha detto:

    Scusate ma vi rendete conto degli insulti che vi scambiate? Se una persona compie un gesto simile deve essere veramente disperata qualunque sia il problema scatenante.
    Una preghiera aLui e soprattutto ai suoi famigliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
L'appello unanime di pendalori, cittadini e amministratori: il semaforo di...