info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Ciao Gianni hai fatto grande il Coro Idica
CLUSONE, Cronaca Clusone

Ciao Gianni hai fatto grande il Coro Idica

Ciao Gianni il Coro Idica ti sarà sempre riconoscente. La lettera della Presidente Simona Visinoni.

Si è spento ieri a Clusone Gianni Mazzoleni il corista tutto fare del Coro Idica. Il ricordo nella lettera della Presidente del Coro Idica Simona Visinoni.

La lettera

Oggi, il giorno programmato per la nostra 38^ Rassegna Corale, abbiamo dovuto salutare il nostro Amico Gianni Mazzoleni, 75 anni, stava bene. Quel maledetto Virus ci ha portato via il nostro “Basso dei Bassi”. Il nostro barista magico!

Si, lui, oltre ad essere un consigliere del Coro, era anche il nostro grande barista. Con tanta cura e amore seguiva la nostra sede. Lui si occupava delle pulizie, del tenerla ordinata.

Più volte mi sono complimentata con lui per come la teneva. La nostra sede è piena di regali ricevuti per i nostri concerti per cui targhe, piatti, gadget di ogni tipo e lui li teneva puliti. Mai nessuna ragnatela.

Se appena fuori c’era sporco puliva tutto, chiamava il comune per far tagliare l’erba, scacciava i ragazzini che fumavano sporcando il nostro portico.

Pareti sporche? Organizzava la squadra di coristi per pitturarle di nuovo. Questo purtroppo succede fuori dalla sede perchè tanti ragazzi vengono li’ di sera e si comportano un po’ male e lui guai , si arrabbiava tantissimo e cercava di risistemarla subito.

Poi, le sere delle prove, martedì e venerdì, lui arrivava in sede con largo anticipo per vedere se tutto era apposto, per accender la macchina del caffè, cosi’ tutti man mano che arrivavano potevano bere il caffè, un amaro, prima di iniziare le prove.

A fine prove o un bicchiere tutti insieme, o una tisana o festa, perché spesso a fine prove si festeggia il compleanno di qualcuno e lui si occupava di tagliare il pane, preparare il salame, le bevande i cabaret. Insomma Gianni era il nostro omino tutto fare. Un po’ Brontolo è vero, ma poi bastava un bacio o un sorriso e si metteva  a sorridere di nuovo anche lui.

Gianni lascia tre figli: Chiara, Silvia e Giulio che sono nati e cresciuti con il nostro coro. Silvia per tanti anni ha fatto la nostra Valletta.

Rosy, la moglie, ha voluto che Gianni fosse vestito con la Divisa del Coro. Questo è un desiderio di tanti coristi perché si sentono di “appartenere” alla famiglia del Coro Idica e vogliono finire la loro vita cosiì.

Dare la notizia ai miei coristi è stato straziante. Io sapevo da giorni che non stava bene, ma sperando che la cosa si risolvesse, su richiesta della famiglia, non avevo condiviso con nessuno questa cosa, per cui, è stata proprio una straziante sorpresa per tutti.

Questa mattina, dopo aver dato la notizia al telefono, sul gruppo del coro, tanti coristi mi hanno chiamato per condividere un omento di pianto. Con noi rimane suo fratello Renato al quale ci stringiamo in un forte e “melodioso” abbraccio.

Tanti sono i cori anche da diverse parti del mondo che stanno scrivendo per salutarlo. Facebook ormai avvicina tutti e così in un baleno la notizia si è sparsa nel mondo corale.

Tutti i cori che in questi giorni ci hanno scritto la loro vicinanza per questo momento per noi molto doloroso, oggi hanno scritto o chiamato per Gianni.

Il 15 febbraio in sede, abbiamo inaugurato la nostra cucina nuova che Gianni Petrogalli il nostro corista falegname aveva rifatto, sotto l’occhio vigile e attento del nostro Gianni Mazzoleni.

Abbiamo fatto una cena in sede con i coristi e anche amici, eravamo in più di 50, abbiamo ringraziato tutti e finito con un grande grazie per il nostro Gianni per come teneva la sede. Sono contenta di essere riuscita  a fare questa cena perché lui ci teneva tantissimo.

Gianni, appena successo il tutto, è stato il primo a chiamarmi dicendomi “Simona, dovremo decidere cosa fare per la Rassegna”, ma era presto, speravo che le cose si sistemassero, ho ancora il baule della macchina pieno di locandine e depliant che avremmo dovuto distribuire per pubblicizzare la nostra rassegna e l’ho rassicurato dicendogli “ Si Gianni, tranquillo, abbiamo ancora un po’ di tempo, vediamo cosa succede” ed ecco cosa è successo.

Ci sarebbero altre 1000 cose da scrivere su di lui e sui di noi con lui ma non riesco più. Siamo pronti a salutare i nostri cari ma farceli portare via da questo virus maledetto no, e questa cosa non ci da pace.

Avremo modo di salutarlo tutti insieme appena tutto sarà tornato almeno un po’ la normalità, per ora non ci resta che scriverci, che sentirci, che piangere e pregare. Sperando di poter ricominciare presto a cantare.

Ieri sera abbiamo fatto ricordare Gianni e il nostro Doro (mancato esattamente 1 Anno fa), tramite la S. Messa andata in onda alle 18 su Antenna2 e celebrata da Don Mauro, così ci siamo sentiti tutti più uniti anche se ognuno nelle proprie case.

Con questo articolo voglio ricordare Gianni  ma anche abbracciare forte tutti gli altri “miei” Coristi, perché mai come in questo momento abbiamo bisogno di ESSERE UNITI!

W IL CORO IDICA! 

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
La Protezione Civile e ATS invitano i cittadini a riconsegnare...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!