info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Gallera: “In Lombardia mai pensato di fare tamponi a tappeto”
Cronaca

Gallera: “In Lombardia mai pensato di fare tamponi a tappeto”

"Mai pensato di fare i tamponi a tappeto" Gallera in conferenza stampa chiarisce il metodo utilizzato da regione Lombardia.

“In Lombardia non abbiamo mai pensato di fare tamponi a tappeto – ha chiarito oggi in conferenza stampa l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera”.

“Ad oggi abbiamo attivi 22 laboratori che esaminano i tamponi per un totale di 5000 al giorno. Dal 23 febbraio abbiamo anche iniziato a fare tamponi agli operatori sanitari sopra la temperatura corporea di 37.5°C. Ci tengo a far chiarezza perchè sul tema tamponi c’è una confusione generale”.

Fare i tamponi a domicilio anche a persone che hanno leggeri sintomi risulta problematico per il fatto che ci vogliono diversi giorni per ottenere i risultati. Sono oltre 120mila coloro che lavorano nel settore sanità e prima dobbiamo tutelare loro – prosegue Gallera -. Noi consideriamo pazienti covid coloro che hanno anche leggeri sintomi. Per preservare la salute dei cittadini ci saranno le unità speciali che visiteranno i pazienti a casa i quali se con sintomi dovranno avvisare il loro medico di base che attiverà in base alla gravità del paziente la visita a domicilio“.

I contagi di oggi in Lombardia

I contagi di oggi in Lombardia sono in linea con i giorni scorsi: i positivi sono saliti 39.415, 10.152 i ricoverati 15 in più di ieri mentre i decessi sono saliti a 5944 +542.

“Il dato che ci da una grande speranza è il numero dei pazienti che vengono ricoverati, a Bergamo è in forte discesa – conferma Gallera- Un dato che si abbassa in tutta la regione e che ci fa ben sperare” .

A Bergamo sono 8349 i positivi + 289 rispetto a ieri.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Anche all'ospedale di Piario si respira con le maschere da...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!