info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > L’email a Gallera dalla Val Seriana: “Malati senza tamponi e voi pensate alla fase 2?”
Cronaca Val Seriana

L’email a Gallera dalla Val Seriana: “Malati senza tamponi e voi pensate alla fase 2?”

L'email a Gallera dalla Val Seriana: "Malati senza tamponi e voi pensate alla fase 2?". Le domande poste da Michela a nome di tanti cittadini.

Oggi dall’alta Val Seriana è stata mandata un’email direttamente alla casella di posta dell’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera. Tema: la gestione dell’emergenza con le sue lacune e con una riflessione sulla fase 2.

Condividiamo l’email inviata da Michela togliendo i dati sensibili relativi alla sua famiglia ma lasciando i concetti fondamentali e le domande che la donna pone a nome di molti cittadini della Val Seriana.

Il testo dell’email

Buongiorno Assessore,
mi chiamo Michela e le scrivo dall’alta Val Seriana questa email per denunciare la vera realtà della situazione nella regione Lombardia, a seguito di questa immane tragedia che ci ha colpito tutti quanti. Abbiamo sempre, io e la mia famiglia rispettato tutte le ordinanze emanate dal governo. Mio suocero si è ammalato il 18 marzo e dopo 15 giorni di febbre alta che non andava via tosse e dissenteria abbiamo chiamato più volte il 118 sentendoci dire: “Suo suocero ha 82 anni signora, non abbiamo posto per un vecchio ma soltanto per uno giovane”.

Mio suocero Sig. Assessore non respirava più e aveva una saturazione a 60, molto al di sotto dello stato normale di ossigeno necessario per vivere,  così è venuta l’ambulanza e lo hanno finalmente ricoverato. Positivo al covid 19 con polmonite bilaterale da covid 19. Mio suocero ha 82 anni assessore e anche mia suocera è stata molto malata ma non l’hanno ricoverata. Poco dopo, abbiamo mostrato anche io e il mio compagno i primo sintomi e dopo ancora i miei bimbi piccoli. Abbiamo chiesto di fare i tamponi ma la risposta è stata che la prassi nella regione Lombardia è fare i tamponi solo a chi è ricoverato in ospedale e mostra sintomi gravi come la mancanza del respiro. Noi non siamo stati troppo male ma resteremo sempre con il dubbio se abbiamo contratto il virus o no.

Mio suocero è ancora in Ospedale, fortunatamente sta riuscendo a sconfiggere questo mostro, ora ci hanno detto che deve fare la quarantena e in teoria dopo due tamponi negativi nella quarantena lo dimettono. Oggi 16 aprile a quasi un mese dal ricovero, abbiamo parlato con il medico e ci ha detto che non fanno i tamponi, che la Regione non li fornisce e che quando lo dimetteranno da considerarlo ancora positivo. Loro possono soltanto allertare la Ats di Bergamo e che probabilmente, ma senza darci la certezza, verranno loro a fargli il tampone. Lei ci crede? Io no, visto che la risposta della Ats di Bergamo la conosco già. Ora io mi chiedo e chiedo a lei come può essere che la Regione Lombardia considerata fior fiore dell’occhiello della sanità, abbia adottato una procedura del genere di: “fantasma dei tamponi”?

Come si fa a progettare una fase 2 con tanto di app da scaricare, che monitora i nostri movimenti e poi ci sono persone che sono state in terapia intensiva in fin di vita, che vengano dimesse senza fare, come da protocollo, 2 tamponi di seguito negativi? Con mio rammarico, vedo che la situazione del nostro vicino Veneto o Emilia Romagna non è questa. Perché non fare i tamponi anche qui a Bergamo e provincia? Qui nella Val Seriana le persone fantasmi morte per Covid 19 sono molte di più delle ufficiali. Perché lasciate a casa, e molti di loro morti senza aver fatto un benedetto tampone. Spero tanto che questa mia email non sia carta straccia e che possa ricevere una risposta da lei. La ringrazio per il tempo che mi ha dedicato.

Cordialmente, Michela

Tutti i diritti riservati©

28 Commenti

  • Max ha detto:

    Spero tanto che tu possa ricevere una risposta ma sono convinto che proseguirà a non far nulla per la nostra valle come ha più volte dimostrato. Spero di dovermi ricredere! Intanto so che mentre noi perdevamo i nostri cari le istituzioni italiane “valutavano” e l’Europa ci “derideva”

    • Pio ha detto:

      Io so solo che Persico si è portato a casa tutte le colpe, ma ci sono aziende proprio in Valseriana che non hanno fermato le produzioni nemmeno un giorno, prima di parlare di stato o altro pulite i panni in casa vostra invece di obbedire tutti sempre e comunque.

  • Tomaso ha detto:

    Tamponi e test sierologici: VANNO FATTI A TUTTA LA POPOLAZIONE, subito!
    Datevi una smossa credo proprio sia ora.
    E poi la prox volta prima di votare certi elementi, contate fino a 10.000.

    • Ros ha detto:

      Sacrosante parole Tomaso. Nessuna regione é come la Lombardia: governata da una massa di incapaci, a dimostrazione che l’abbandonarsi al populismo in cabina elettorale non paga. In compenso hanno pagato i nostri cari anziani e non.

    • Pio ha detto:

      Ti tolgo un dubbio se non l’hai capito, sai perchè non fanno i tamponi a tutti, perché se gli operai risultano positivi dillo tu ai padroni che devono stare a casa, li vanno a prendere e poi danno un calcio nel di dietro al medico che ha fatto il tempone.

  • Zoro ha detto:

    ……un giorno sul pero e l’altro sul melo….dipende che ordini arrivano…e alcune regioni rispondono “obbedisco”….tanto la pelle è la nostra!!!

  • ???? ha detto:

    I poteri forti (e non stò ad elencarli vero che tutti sapete quali sono…?!) vincono e vinceranno sempre. Questa debole ed inetta democrazia nostra incompiuta, purtroppo cosi é.

  • Zoro ha detto:

    …..mettici anche un capo partito che li rappresenta…..

  • Martino ha detto:

    Sono d’accordo con Tommaso. Ma chi ha scritto la lettera che lavoro fà? Probabilmente ha lo stipendio assicurato o non ha problemi economici!!! Perchè c’è anche il rischio che i morti del dopo virus possano superare di gran lunga i morti per il virus!!!

  • Fiorenza Zambaiti ha detto:

    smettetela di dare la colpa SOLO alla regione Lombardia e chiedetevi il perchè gia da GENNAIO il capo del governo ha ordinato e RICEVUTO mascherine, tamponi e cosa più grave OSSIGENO da usare in parlamento …. non servivano prima ai medici, sanitari e alla gente comune ???

  • Ope ha detto:

    Martino, a te scegliere se la borsa o la vita!

  • Giovanni ha detto:

    Buongiorno, ho avuto la polmonite bilaterale e positivo la Covid 19 ,questo il 10 Marzo, ad oggi vivo isolato ancora in una stanza perche’ sono ancora positivo,
    ma a mia moglie e 2 figli nessun tampone .Loro non hanno avuto nessun sintomo ma hanno perso il gusto e l’olfatto.

  • Ope ha detto:

    Fiorenza, la sanità è in capo alle regioni! Stava alla nostra Lombardia premunirsi e rifornirsi di quanto necessario per affrontare l’epidemia!
    È inutile invocare l’autonomia e quando se ne ha l’occasione, non prendersi le responsabilità!

    • Andrea ha detto:

      Vero, la regione applica l’autonomia per chiudere le librerie… e scarica su Roma le decisioni importanti ( anche se poteva chiudere le zone rosse, come ammesso da Gallera).
      E adesso iniziano a fare gli scaricabarile sulle Ats (basta leggere in questi giorni le dichiarazioni di Fontana in merito al Pio Albergo Trivulzio) e faranno così anche per Alzano.
      Sono Politici!…

  • Rossella ha detto:

    Giovanni perdita di gusto e olfatto son due sintomi…

    • Giovanni ha detto:

      Infatti ma tamponi o, ci stanno prendendo in giro,meno tamponi, meno contagiati piu’ operai disponibili ,prima il dio soldo poi tutto il resto

  • battista cadei ha detto:

    meno tamponi meno positivi, vogliono dimostrare che è tutto sotto controllo,sia gallera che borrelli, quest’ultima siede su molti milioni di offerte e non riesce a dare i tamponi a chi servono,come invidio i tempi di bortolaso,ps i volontari non hanno colpe anzi molti meriti

  • Barbara Filisetti ha detto:

    Purtroppo la fotografia reale di com’è andata e sta andando nella nostra valle non l’abbiamo e forse non l’avremo mai. La mia situazione è molto simile a quella dell’autrice della lettera e penso pure che non siamo le uniche. Concordo con chi ha detto che ORA l’unica soluzione sarebbero i tamponi e soprattutto i test sierologici ma dubito che riusciremo ad averli tutti come sarebbe auspicabile. Un pensiero a tutte le vittime prima di tutto e speriamo però di poter pure ripartire per tutte le famiglie che non possono permettersi di stare ferme a lungo….

  • Gisella Ricuperati ha detto:

    Grazie Michela pe aver dato voce a chi la pensa come te .io condivido pienamente il tuo pensiero .

  • Mariarosa ha detto:

    Sono schifata da tutta questa leggerezza che il governo e la regione stanno avendo e se qualcosa hanno fatto dovevano muoversi velocemente e con più vigore come il Veneto è intanto i nostri vecchi e non se ne sono andati

  • Giulia Onofrio ha detto:

    Bravissima dobbiamo essere tutti cittadini. Paghiamo le imposte e dobbiamo ricevere i servizi per i quali i politici continuano a chiamare di eccellenza. Bisogna denunciare sempre e non omertosi, solo così possiamo cambiare l’ Italia.

  • stefania ha detto:

    Mio marito positivo al covid, malato dal 3 marzo, ricoverato, dimesso senza tampone, è ancora in stanza rinchiuso come un carcerato, in attesa di un tampone. Qui in Valle Seriana secondo me il tampone non arriverà mai, almeno lo dicessero chiaramente. Vergogna, vergogna, vergogna!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Bergamo, infermiera di Rsa muore a 55 anni. Tampone solo...