info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Negozi chiusi: boom di acquisti online
Cronaca Bergamo

Negozi chiusi: boom di acquisti online

Negozi chiusi per il lockdown, è boom di acquisti online soprattutto per la telefonia mobile.

L’impatto del lockdown provocato dall’emergenza coronavirus ha mostrato il potenziale dei comparatori online, che in condizioni standard sono utilizzati come strumento di info-commerce per il confronto di offerte e servizi.

Lo conferma SOStariffe.it, che registra per il segmento telefonia mobile un aumento del +60%

Lo scenario

L’emergenza sanitaria legata alla diffusione del coronavirus nel nostro Paese ha determinato la chiusura di gran parte delle attività commerciali.

In una situazione canonica, infatti, il meccanismo che si attiva è quello del “mi informo online e compro dal vivo”: a confermalo è anche il sito AJ-COM.net in base al quale “l’85% delle persone che finalizzano una scelta in negozio aveva prima ricercato informazioni su Internet.

Durante l’emergenza covid-19, invece, la temporanea mancanza del negozio fisico spezza il percorso standard di acquisizione di informazioni e successivo momento di acquisto, e lo stravolge, ponendo realtà come i comparatori online in una posizione strategica sotto il profilo delle conversioni. In questo scenario è anche maggiore la responsabilità nella presentazione puntale delle informazioni e dell’agevolazione del processo d’acquisto, laddove consentito.

Acquisti online nel comparto telefonia mobile

Un segmento merceologico dove è radicata questa abitudine di informarsi online per poi comprare altrove è la telefonia mobile.

Negli ultimi anni infatti il numero di operatori sul mercato è aumentato notevolmente, arrivando a 10 player solo tra i più importanti per numero di clienti. Oltre agli “operatori tradizionali” Iliad, TIM, Vodafone, e WindTre, abbiamo “operatori virtuali” come Kena Mobile, Fastweb Mobile, Ho. Mobile, Poste Mobile, Tiscali Mobile, Very Mobile. Tutti propongono diverse tariffe, di solito con moltissimi Giga inclusi, e tutti hanno condizioni e prezzi differenti.

In condizioni normali gli utenti avrebbero utilizzato il comparatore per scegliere il proprio piano SIM ma, in moltissimi casi, avrebbero poi preferito acquistare dal vivo, per due motivi principali: prima di tutto perché è ancora piuttosto macchinoso il processo di riconoscimento dell’identità dell’intestatario SIM, indispensabile per rispettare la legge Pisanu sull’antiterrorismo; in secondo luogo perché è più complesso acquistare online uno smartphone abbinato al proprio piano mobile.

Utenze e servizi attivati online: i settori interessati. Internet e modem su tutto, ma anche bollette in generale

Ci sono alcuni settori che hanno subito un incremento più significativo in questo periodo: sul fronte della telefonia mobile il bisogno si è spostato su piani mensili con giga illimitati inclusi, da poter utilizzare come hotspot per connettersi ad altri dispositivi elettronici.

Il bisogno di connessioni Internet più stabili per affrontare la quarantena a casa ha portato anche a una maggiore ricerca nel settore Internet casa, oltre che in quello dell’energia elettrica, per risparmiare sulle bollette.

Crescono dell’84,6%, infatti, i visitatori che ha marzo hanno cercato offerte di tipo Internet fisso, mentre per quanto riguarda la ricerca di tariffe più convenienti su luce e gas l’incremento è stato del 15%.

Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Serve nuova attenzione ai disabili: “Task force dedicata alle famiglie”....