info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Pro Loco di Parre: collaborazione e valorizzazione del nostro territorio la ricetta giusta
Cronaca, PARRE Alta Valle

Pro Loco di Parre: collaborazione e valorizzazione del nostro territorio la ricetta giusta

L'appello della Pro Loco di Parre: aprire le porte al concetto di collaborazione volta alla valorizzazione del nostro territorio ed alla soddisfazione di tutti.

La Pro Loco Parre, da anni attiva sul territorio, si stringe in un virtuale abbraccio a tutti gli esercenti e commercianti che in questo periodo stanno soffrendo il momento particolarmente delicato.

L’appello della Pro Loco di Parre

” Nei giorni scorsi, su diverse testate locali, è apparso un articolo in cui Ascom chiedeva ai sindaci dei comuni bergamaschi di sospendere le sagre e le feste di paese in cui è prevista la somministrazione di alimenti e bevande ritenendo questo tipo di eventi concorrenziali ai bar e ai ristoranti del territorio, che già hanno subito delle gravi perdite a causa dell’emergenza Coronavirus e che riapriranno attenendosi a rigide regole di distanziamento”

“Cogliamo l’occasione di raccontarvi quella che per noi è una ricetta felice per evitare di incorrere in fenomeni di presunta concorrenza, prendendo spunto da quanto Ascom ha suggerito ai Sindaci della zona. Negli ultimi anni abbiamo costantemente investito nella collaborazione con commercianti, artigiani, allevatori, esercenti e produttori locali. Le nostre sagre e feste creano in questo modo un indotto, un investimento sul territorio. Solo per citare alcuni esempi concreti, compriamo formaggi e salumi dalle aziende agricole di Parre, lo stesso discorso vale per altri prodotti che vengono acquistati nei negozi di alimentari, fruttivendoli e dal supermercato del paese e dove non possibile nei paesi limitrofi, mettendo sempre al primo posto il benessere e l’importanza del nostro territorio”.

I bar, i ristoranti e gli alberghi rivestono da anni il ruolo di “attori protagonisti” nei nostri eventi. Si pensi anche che, durante le Sagre più rappresentative, come ad esempio la Sagra degli Scarpinòcc o la Sagra degli Gnòch in còla i ristoranti locali sono invitati a proporre un menù che comprenda la nostra proposta in modo che il turista che lo desideri possa scegliere la “location” più indicata alle proprie esigenze, e questa scelta, vi possiamo garantire che ha costituito un’esperienza con eccellenti risultati. I bar del paese sono pieni di paesani, valligiani e turisti che, prima di cenare affollano i locali per l’aperitivo. I negozi e gli allevatori del paese sono, in buona sostanza i nostri primi ed unici fornitori. Anche le strutture alberghiere in quei giorni ospitano un numero di ospiti ben superiore alla media.

Per questa ragione, pur rispettando le opinioni espresse da Ascom, ci sentiamo di suggerire questo nostro modo di operare, fatto di grande collaborazione, nell’ottica di valorizzare il territorio. Questo significa valorizzarne ogni singola realtà che lo compone con la consapevolezza che la buona riuscita degli eventi si ottiene sostenendosi a vicenda, lavorando in comune accordo per il bene della comunità.

Torneremo più forti di prima quando sarà possibile con la medesima “ricetta” che abbiamo cercato di raccontarvi.

Questa è la ricetta che suggeriamo alle altre Pro Loco, ai commercianti, agli esercenti e anche ad Ascom: aprire le porte al concetto di collaborazione volta alla valorizzazione del nostro territorio ed alla soddisfazione di tutti”.

Tutti i diritti riservati ©

2 Commenti

  • Olmo ha detto:

    Come dar torto agli amici di Parre, saranno proprio le sagra con i loro ampi spazzi, dove la possibilità di rispettare il distanziamento sociale sara possibile/fattibile, se rispettate le norme a rilanciare il turismo, e poi non dimentichiamo che le sagre funzionano anche per il loro prezzi accessibili ai più.
    Cosa che i signori ristoratori dovranno copiare per continuare a lavorare, durante la convivenza col Covid.

  • gian ha detto:

    il partecipante ad una sagra non è quasi mai un cliente di ristorante, ma lo puo diventare, quando gli fai scoprire piatti locali che magari non conosceva. quasi mai le sagre sottraggono clienti ai ristoranti, sono questi ultimi che si devono dare una mossa e sottrarre clienti alle sagre!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
14 UTES operative sul territorio della provincia di Bergamo. 25mila...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!