info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Test sierologici a pagamento, Galli: “Una disfatta per la sanità”
Cronaca

Test sierologici a pagamento, Galli: “Una disfatta per la sanità”

"È inconcepibile che il pubblico non sia in grado di dare questo genere di risposta ai cittadini e gli dica che deve andarsi a pagare il test"

Massimo Galli, primario del reparto di malattie infettive dell’ospedale di Milano, torna a parlare sui test sierologici: “Moltissime persone – ha detto intervenendo alla trasmissione tv Agorà – stanno prendendo appuntamento negli ambulatori privati per fare il test che non sono riusciti ad ottenere dal Servizio sanitario nazionale e questa è una debacle per l’organizzazione della sanità”.

Il professor Galli si riferisce ai test sierologici effettuati dai privati come previsto dall’ultima delibera regionale di Gallera. “È inconcepibile – ha proseguito – che il pubblico non sia in grado di dare questo genere di risposta ai cittadini e gli dica che deve andarsi a pagare il test, come se questa fosse una scelta voluttuaria, e fare a sue spese il tampone… ma per favore! Il test è molto piu importante del distanziamento al ristorante, è il sistema fondamentale per ridurre l’ulteriore diffusione dell’epidemia. Scusatemi ma mi è scappato un momento di indignazione”.

L’importanza dei test

Sull’importanza dei test, Galli non ha dubbi: “Continuo a ritenere che si debba lavorare alla fonte, cioè all’identificazione di quelli che ancora hanno l’infezione addosso, si doveva e si deve lavorare per dare risposte alle moltissime persone, anche molto irritate per questo, che chiedono di conoscere il proprio stato e preferirebbero non doverlo fare a pagamento. Inconcepibile che il pubblico decida che va bene così, non è stato in grado di dare questo genere di risposta ai cittadini”.

Tutti i diritti riservati ©

4 Commenti

  • Gianni Paolo Fumagalli ha detto:

    E’ la vergogna della sanità lombarda, lasciataci in eredità dal celeste e da Maroni.

  • Bergamaschi vi svegliate? ha detto:

    Ai lombardi piace così, sanità privata e tutto a pagamento, l’importante è non fare zone rosse perché bisogna laurà altrimenti non si mangia. E colpa del governo e dei migranti!

    Viva regione Lombardia, “è l’eccellenza, siamo come la Baviera”!

  • Marco ha detto:

    È inconcepibile tutto il management lombardo! Più inconcepibili ancora chi lo sostiene con il proprio voto!e mi fermo qui, sperando che negli innocenti che se ne sono andati …..lasciamo stare va…

  • Stregabakeka ha detto:

    Era l’unica cosa che dovevano rendere obbligatoria da subito per tutti e in tutta la regione! Invece continuano e continuiamo a mettere davanti i soldi alle persone! Sì.. continuiamo! Perché anche noi piuttosto che fare ancora 20 o che gg in quarantena mettiamo davanti lavoro e libertà… poi non importa se chi è negativo va a farsi tagliare i capelli .. compra un negozi.. visita congiunti… che magari sono positivi e non lo sanno! Ci danno guanti e mascherine e termo scanner ( che paghiamo e intanto l’economia gira) piuttosto che posticipare un’apertura fra disinfettante e covid… la Lombardia ha i soldi per mezza Italia… ma non per i tamponi dei suoi cittadini! Che schifo e che vergogna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Il Decreto Rilancio introduce la possibilità di rimborso dei costi...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!