info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Orobie: rifugi aperti nel week end. Ecco quali
Cronaca Val Seriana

Orobie: rifugi aperti nel week end. Ecco quali

Aprono i primi rifugi delle Orobie Bergamasche. Scopri quali.

Dopo la chiusura imposta dal decreto riaprono nel fine settimana alcuni rifugi delle Orobie Bergamasche.

Riparte la stagione al Rifugio Alpe Corte raggiungibile da Valcanale di Ardesio. Porte aperte al Rifugio Rino Olmo ai piedi della Presolana.

A Clusone riapre il Rifugio San Lucio mentre a Lizzola è aperto il Rifugio Campel.

Le regole dei comportamenti da adottare dettate dal CAI di Bergamo

1) Nelle Alpi Orobie e nel territorio bergamasco è presente una vastissima e articolata rete di sentieri e mete differenziate per difficoltà ed impegno richiesto per raggiungerle. Suggeriamo di frequentare anche quei percorsi meno noti e non lontani da casa ma altrettanto affascinanti evitando di assembrarsi su quelli più battuti.

2) Se ti rechi in auto, parcheggia a debita distanza dalle altre vetture e se non è possibile attendi che i passeggeri delle altre autovetture si siano allontanati a sufficienza prima di scendere. Fai lo stesso quando dovrai risalire. Per gli spostamenti in auto per raggiungere la destinazione dell’attività sportiva, compila e porta con te l’autocertificazione.

3) L’uso della mascherina durante lo svolgimento di attività sportiva / motoria non è prevista ma quando incroci delle persone indossa sempre la mascherina facciale oppure uno scalda collo per coprire bocca e naso. Porta nello zaino una mascherina facciale, un paio di guanti monouso e un flacone di gel disinfettante a base alcolica. Utili degli occhiali avvolgenti anche per la protezione dai raggi ultravioletti.

4) Durante lo svolgimento dell’attività escursionistica mantieni sempre una distanza di 2 metri circa (sia in salita che in discesa) da colui che ti precede, mentre per attività di cicloescursionismo mantieni una distanza di 10 metri circa.

Continua a leggere qui.

Tutti i diritti riservati©

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
In un mese effettuati in bergamasca 17mila test sierologici. I...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!