info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Riaprono le case di riposo, visite consentite solo se autorizzate
Cronaca

Riaprono le case di riposo, visite consentite solo se autorizzate

Riaprono le case di riposo: test e tamponi ai nuovi ospiti. Presi in carico anche positivi. Visite consentite solo se autorizzate.

A tre mesi dalla chiusura possono aprire le case di riposo secondo quanto previsto dalla nuova delibera regionale del 9 giugno. Riguardo alle visite consentite ai parenti strano consentite solo se autorizzare.

Nello specifico l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, commenta così la delibera approvata dalla Giunta regionale in merito alla riapertura delle RSA – RSD in Lombardia e della disciplina delle attività di neuropsichiatria e si sostegno alle dipendenze a seguito dell’emergenza COVID: “Le strutture residenziali e semiresidenziali RSA e RSD possono riaprire in totale sicurezza: sono previsti test sierologici e tamponi per i nuovi accessi, la presa in carico in appositi centri Covid dei positivi, percorsi di screening e di formazione continua per gli operatori’.

Le visite

Le visite sono consentite solo in situazioni di particolare necessità e devono essere concordate e autorizzate dal gestore.

Le nuove procedure

Le nuove procedure prevedono un’accurata verifica preliminare volta a escludere la presenza di sintomi sospetti per COVID-19 e/o l’esposizione a casi COVID-19 nei precedenti 14 giorni e la valutazione della possibilità di effettuare un efficace isolamento domiciliare. Al paziente presso il suo domicilio (mediante erogatore ADI se non direttamente effettuabile dal personale della U.d.O. residenziale) viene effettuato il tampone naso-faringeo e test sierologico per COVID-19, prevedendo, al contempo, l’isolamento a domicilio del paziente stesso per il periodo di tempo intercorrente tra l’esecuzione dei prelievi e l’ingresso in struttura.

In base ai risultati di laboratorio si distinguono le seguenti possibilità:
a) sierologia negativa e tampone negativo: prolungare l’isolamento domiciliare e ripetere dopo 14 giorni i tamponi che, se risultano entrambi ancora negativi, garantiscono l’ingresso dell’ospite struttura residenziale.

b) sierologia negativa e tampone positivo: avviare percorsi di presa in carico specifici verso strutture di ricovero a carattere sanitario appositamente individuate, in accordo con l’utente (o con il suo legale rappresentante) e il MMG e coinvolgendo i familiari.

c) sierologia positiva e tampone negativo: prolungare l’isolamento fiduciario e si può procedere all’ingresso dell’ospite.

d) sierologia positiva e tampone positivo: avviare percorsi di presa in carico specifici verso strutture di ricovero a carattere sanitario appositamente individuate, in accordo con l’utente (o con il suo legale rappresentante) e il MMG e coinvolgendo i familiari.

Garantito rientro in struttura anche a paziente Covid

Per gli ospiti/pazienti candidati al rientro verso un’unità d’offerta sociosanitaria residenziale riconducibile a collettività chiusa (esempio: RSA, RSD, ecc.), proveniente da altra struttura (generalmente dopo ricovero presso ospedale per acuti), se ospite/paziente COVID-19 è guarito totalmente è possibile il suo rientro;

– se ospite/paziente COVID-19 guarito clinicamente in attesa di negativizzazione, si avviano percorsi di presa in carico specifici verso strutture di ricovero a carattere sanitario appositamente individuate.
In tal caso le prescrizioni ricalcano i punti sora indicati.

Screening sierologici e tamponi sono previsti anche per gli ospiti delle strutture residenziali che si avvalgono periodicamente di prestazioni ambulatoriali all’esterno dell’unità d’offerta di provenienza.

Il provvedimento disciplina anche percorsi di formazione specifica per gli operatori, screening e controlli accurati delle loro condizioni di salute con il divieto di accesso alla struttura in caso di sintomatologia riferibile al Covid.
Lo stesso vale per i fornitori di servizi o di prestazioni.

Lo stesso provvedimento disciplina anche la ripresa delle prestazioni dei servizi dell’area della Salute mentale (Psichiatria, Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza), della Disabilità e delle Dipendenze.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Annullata visita con ricetta medica, ma in privato si fa...