info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Le Frecce Tricolori si esercitano a Ghedi
Cronaca

Le Frecce Tricolori si esercitano a Ghedi

Le Frecce Tricolori si esercitano a Ghedi. Domenica passeranno sopra Bergamo? Non c'è ancora l'ufficialità.

Non sono passati inosservati i sorvoli e le figure che martedì 23 giugno la Pattuglia Acrobatica Nazionale ha eseguito nei cieli di Ghedi. Nella vicina provincia di Brescia dunque le Frecce Tricolori si stanno esercitando in queste ore. Per un passaggio sopra Bergamo? Magari proprio domenica 28 giugno, serata della commemorazione delle 6000 vittime alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella? Ancora la conferma non c’è ma la loro presenza a Ghedi, immortalata da passanti e fan, fa ben sperare.

La Pattuglia aveva sorvolato i cieli di Codogno, primo paese in cui il Coronavirus venne accertato un italiano positivo, e tutti i capoluoghi di provincia delle Regione italiane. Esclusa Bergamo, nonostante il dramma vissuto. Per questo le Frecce potrebbero unire in un simbolico abbraccio tricolore, anche la vicina provincia di Brescia, anch’essa martoriata dal Coronavirus.

Il programma di domenica 28 giugno: Santa Messa a Bergamo trasmessa su Raiuno

Sarà trasmessa in diretta da Raiuno la Messa da Requiem di Gaetano Donizetti che sarà eseguita alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella domenica sera (28 giugno), alle 20,30, sul piazzale antistante il cimitero monumentale cittadino per commemorare le vittime bergamasche del coronavirus. Ci saranno anche i 243 sindaci della provincia, in rappresentanza di tutti i loro Comuni che hanno sofferto la pandemia. Il programma della serata, organizzata dal Comune in collaborazione con la Fondazione Teatro Donizetti, prevede anche la deposizione di una corona di fiori all’interno del cimitero: non sarà un evento pubblico, perché le norme contro il Covid-19 lo vietano e i partecipanti saranno al massimo trecento, tra sindaci e autorità. 

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

  • 😶😪 ha detto:

    40 anni fa ad Ustica un aereo civile spari dai radar, perirono 81 esseri umani (tuttora la VERITÀ su quel fatto non é ancora accertata…) in volo quella notte cerano anche due piloti (che poi perirono in Germania durante una manifestazione che fini in tragedia) delle frecce tricolori in zona, dovevano essere sentiti dagli inquirenti ma poi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Il territorio bergamasco fa rete per affrontare il Coronavirus in...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!