info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Il punto nascite di Alzano chiuso fino a fine emergenza Covid-19
Cronaca

Il punto nascite di Alzano chiuso fino a fine emergenza Covid-19

Chiusura del punto nascite dell'ospedale di Alzano, l'assessore Gallera: "Servizio chiuso fino a fine emergenza poi tornerà regolare"

Relativamente alla chiusura del punto nascite dell’ospedale di Alzano Lombardo, dopo i dubbi sollevati, non solo dal personale medico ma anche da alcuni esponenti politici bergamaschi, è arrivata la risposta dell’assessore al Welfare Giulio Gallera.

Scandella: “Rischio desertificazione servizi in Val Seriana”

In particolare il consigliere regionale Jacopo Scandella (PD), che già si era battuto per scongiurare la chiusura del punto nascite dell’ospedale di Piario (avvenuta a ottobre 2018), ha interrogato l’assessorato competente. “Quest’anno – ha spiegato Scandella -, vista la sospensione prolungata, il numero di parti effettuato ad Alzano sarà molto basso, e considerando che già da alcuni anni il punto nascita è sotto i 1000 parti annui, il rischio è che si faccia leva su questa ulteriore riduzione causata dal Covid per fare ciò che è già stato fatto a San Giovanno Bianco e Piario. Il punto nascita di Piario, per la sua collocazione geografica a servizio di territori periferici, giustificava una battaglia in sua difesa a prescindere dal numero di parti, e la sua chiusura non ha alzato significativamente i numeri del punto nascita di Alzano, più vicino agli ospedali di Seriate e Bergamo. Se le cose dovessero finire così, il risultato di una mancata pianificazione sarebbe la chiusura di entrambi i punti nascita e un’ulteriore desertificazione dei servizi pubblici in valle”.

Gallera: “Servizio chiuso fino a fine emergenza poi tornerà regolare”

Così ha risposto con un comunicato stampa l’assessore Gallera: “Regione Lombardia non ha previsto alcuna chiusura del punto nascite dell’ospedale di Alzano Lombardo. Nel periodo di emergenza Covid-19 l’Asst Bergamo Est, per garantire un’assistenza appropriata e in sicurezza delle gestanti, ha temporaneamente trasferito il reparto maternità, e quindi il personale ostetrico e ginecologico dell’ospedale Pesenti – Fenaroli, presso l’ospedale Bolognini di Seriate, da sempre attivo, anche in piena emergenza Covid-19. Per continuare ad assicurare l’accompagnamento alle gestanti della zona di Alzano è stato inoltre rafforzato il servizio di ostetrica del territorio”.

“La riapertura del punto nascita dell’ospedale di Alzano – continua l’assessore – è legata all’andamento dell’emergenza che purtroppo non ci consente, in quanto imprevedibile, di indicare una data precisa. La decisione dell’Asst è stata assunta per motivi di carattere strutturale del presidio e dei protocolli Covid-19 da attuare, indicati dal Ministero della Salute. Non appena le condizioni consentiranno di poter operare in totale sicurezza per le gestanti e i neonati, il reparto tornerà alla sua regolare attività”.

Gallera conclude: “il reparto di Ostetricia-Ginecologia dell’Ospedale Bolognini di Seriate è stato potenziato ed è in grado di fare fronte alle richieste delle future mamme della Valle Seriana e non solo”.

Tutti i diritti riservati ©

3 Commenti

  • Mario ha detto:

    Spero di essere smentito dai fatti, ma ho paura che se chiudono anche il punto nascite di Alzano, non lo riapriranno più.
    Noi valligiani dobbiamo solo lavorare sodo e pagare le tasse, i servizi agli altri.

  • enrico ha detto:

    Gallera: “Servizio chiuso fino a fine emergenza poi tornerà regolare”.
    Allora: “Aspetta e spera!!!”

  • Marco ha detto:

    Immagino una neomamma di Castione doversi sobbarcare 50 km per arrivare in reparto…..che geni!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Casnigo in festa per le apparizioni al Santuario della Madonna...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!