info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Aggredito autista di pullman ad Albino: Ongaro chiede guardie giurate e controlli costanti
Cronaca Albino

Aggredito autista di pullman ad Albino: Ongaro chiede guardie giurate e controlli costanti

L'autista 52enne è stato aggredito con un pugno alla nuca per aver chiesto ad un ragazzo di indossare la mascherina. In seguito a ciò, il consigliere provinciale Ongaro chiede maggiori controlli sui mezzi pubblici, anche tramite l'impiego di guardie giurate.

L’autista del pullman chiede ad un ragazzo, 20enne di Parre, di indossare la mascherina, quest’ultimo lo aggredisce con un pugno alla nuca. L’episodio è successo ad Albino, nella giornata di venerdì 30 ottobre, alla stazione TEB. In seguito a quanto accaduto, il Consigliere provinciale della Lega Nord, Alberto Ongaro, esprime solidarietà all’autista vittima dell’aggressione proprio mentre stava svolgendo il suo lavoro.

“È assurdo – dichiara Ongaro – che una persona che sta svolgendo un servizio di pubblica utilità debba andare incontro a questi rischi solo per il fatto di aver chiesto ad un ragazzo di indossare la mascherina. Purtroppo, non si tratta di un caso isolato: sempre più spesso assistiamo a fenomeni di questo tipo sui mezzi pubblici”.

La proposta di Ongaro

Per evitare queste spiacevoli situazioni, il Consigliere Ongaro propone di incentivare il controllo sui mezzi pubblici, anche tramite l’impiego delle guardie giurate: “Mi auguro che la Prefettura tenga presenti questi continui atti di violenza e pianifichi con le Forze dell’Ordine costanti controlli su tutti i mezzi pubblici. Una soluzione potrebbe essere l’impiego delle guardie giurate in supporto delle Forze dell’Ordine, in modo da garantire una copertura costante sui mezzi”.

Il ventenne di Parre, in seguito agli accertamenti da parte dei Carabinieri della stazione di Clusone, è stato poi denunciato e gli stata commiata la sanzione amministrativa prevista per non aver indossato la mascherina su un mezzo di trasporto pubblico.

Gioia Masseroli

Tutti i diritti riservati©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
A Songavazzo, grazie ai fondi statali e del Gal, sono...