info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Politica > Lombardia zona rossa, Fontana: ricorso depositato al Tar entro 19 gennaio
Politica

Lombardia zona rossa, Fontana: ricorso depositato al Tar entro 19 gennaio

L’Rt è un parametro strutturalmente in ritardo, in quanto si riferisce alla settimana dal 23 al 30 dicembre, oltre al fatto che non può essere l’unico.

“Ho predisposto il ricorso che verrà depositato al Tar del Lazio fra questa sera lunedì 18 e domani mattina, martedì 19 gennaio”. Così il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana sull’ordinanza del ministro Speranza che colloca la Lombardia in zona rossa. Nel corso della conferenza stampa con i giornalisti, il governatore della Lombardia ha precisato: “Si impugna il decreto nella parte in cui vengono dettati i criteri per la classificazione facendo riferimento agli scenari e livelli di rischio. Sulla validità di alcuni parametri erano già stati sollevati dubbi parecchie volte in sede di Conferenza Stato-Regioni”.

L’Rt è un parametro strutturalmente in ritardo

“Il parametro Rt – ha spiegato il presidente Fontana – è prevalente sugli altri ed è diventato ancora più invasivo dopo l’abbassamento delle soglie per entrare nelle fasce di rischio rosse, arancio e gialle. L’Rt è comunque un parametro strutturalmente in ritardo, in quanto si riferisce alla settimana dal 23 al 30 dicembre, oltre al fatto che non può essere l’unico”.

“L’incidenza dei nuovi casi – ha rimarcato – è invece il parametro più aggiornato e aderente alla realtà, esiste anche un documento tecnico che lo sancisce. Corretto, dunque, sarebbe stato considerare prevalente l’incidenza dei nuovi casi rispetto agli altri parametri, o quanto meno confrontarne i dati”.

Rispondendo alle domande dei giornalisti, il presidente Fontana ha ribadito che “nel sistema di monitoraggio ho sempre sostenuto l’importanza dell’incidenza su 100 mila abitanti. Un elemento che nasce non da una mia suggestione, tant’è vero che lo stesso ministero della Salute il 7 gennaio scorso ha inviato alla Conferenza delle Regioni un documento frutto di un lavoro con l’Istituto Superiore di Sanità in vista della Conferenza Stato-Regioni avente ad oggetto la revisione del sistema di valutazione e monitoraggio”.

Sistema di valutazione rivisto

“Un documento – ha sottolineato il presidente Fontana – nel quale viene evidenziata l’importanza di tener conto di un limite di incidenza oltre il quale adottare misure di mitigazione, a prescindere dai livelli di rischio e Rt, considerato che oltre i 300 casi per 100 mila abitanti si verifica un sovraccarico dei servizi assistenziali: noi alla data della settimana oggetto del monitoraggio 4-10 gennaio eravamo intorno a 135, quindi non in area critica, come invece molte altre regioni che sono rimaste in zona arancione”.

“Sono convinto che l’applicazione più coerente e corretta dei parametri – ha concluso il governatore Fontana – dovrà coerentemente condurre la Regione Lombardia dalla zona rossa a quella arancione. Nel caso in cui il Governo desse un riscontro alle nostre richieste, saremo pronti a ritirare il ricorso”.

Tutti i diritti riservati©

3 Commenti

  • ... ha detto:

    Vaccini: Moratti, ripartizione anche in base a Pil Regione.
    (ANSA) – MILANO, 18 GEN – Contributo che le Regioni danno al Pil, mobilità, densità abitativa e zone più colpite dal virus: sono questi i quattro parametri che il vice presidente e neo assessore al Welfare della Regione Lombardia Letizia Moratti avrebbe chiesto di tenere in considerazione per la ripartizione dei vaccini anti-Covid, con una lettera al commissario Arcuri.
    E’ quanto filtra dalla riunione di Moratti con i capigruppo, secondo fonti di maggioranza e opposizione.
    “La vicepresidente Moratti sulla distribuzione dei vaccini ha chiesto una serie di integrazioni che mi sembrano estremamente coerenti e logiche e ascolteremo cosa ne pensa Arcuri”, ha spiegato il presidente della Regione Attilio Fontana in conferenza stampa.
    “Questo merita una discussione immediata in Consiglio: i criteri elencati al momento ci sembrano discutibili se non discriminatori”, ha subito commentato il capogruppo M5s al Pirellone, Massimo De Rosa. (ANSA).

  • Sampa ha detto:

    Azz sene é appena andato un esperto di gaffe, ma se tanto mi da tanto stiamo ripartendo alla grande. Ottimo certe abitudini meglio non perderle…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Il piano pandemico italiano è del 2006, la conferma dopo...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!