info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Un premio per il progetto della struttura polifunzionale a Clusone
Cronaca Clusone

Un premio per il progetto della struttura polifunzionale a Clusone

Un premio di architettura per il progetto della struttura polifunzionale a Clusone completata nel 2019

Il progetto della nuova struttura polifunzionale di Clusone curato dallo studio di architettura piemontese Settanta7 ha ricevuto il premio dal Big SEE – where life is creativity. Award 2021. “Siamo felicissimi di essere stati premiati dal Big SEE – where life is creativity. Award 2021 per la nuova struttura polifunzionale a Clusone – si legge sulla pagina Facebook dello studio -. Ringraziamo l’amministrazione comunale di Clusone guidata dall’allora Sindaco Paolo Olini, i suoi collaboratori e l’ufficio tecnico nella figura del responsabile Architetto Andrea Locatelli per aver sempre creduto in questo progetto. Il battesimo della struttura avvenuto nel mese di luglio 2019, in occasione del ritiro precampionato della squadra Atalanta Bergamasca Calcio ha certamente portato bene sia ai colori neroazzurri, che a tutti noi”.

La nuova palestra rappresenta un luogo polivalente privilegiato per le attività sportive locali. Comprende infatti un impianto sportivo al coperto, dotato di tutti gli spazi necessari allo svolgimento delle attività agonistiche. Presente inoltre un campo regolamentare per il gioco del calcetto e un’area esterna polivalente completamente attrezzata per attività fisica ed eventi. “L’elemento iconico di questo progetto è la grotta gialla – spiegano i progettisti – , un forte gesto formale che irrompe nel volume regolare dell’edificio”. L’annuncio della vittoria è consultabile qui: https://bigsee.eu/palcoscenico-urbano-urban-stage-clusone/.

Alcune foto della struttura polifunzionale di Clusone

Tutti i diritti riservati ©

2 Commenti

  • Mascalzone Latino ha detto:

    Insomma, per bellezza e funzionalità dona le stesse vibrazioni del ponte di Calatrava.

  • Matteo ha detto:

    Bello ma l’accesso diretto dall’estero al campo è una vera castroneria progettistica oltre. He essere antigenico e poco funzionale (pensate in una giornata autunnale di vento quanta polvere e fogliame possono contaminare il campo… Progettisti della Valle non c’è n’erano? Proprio in Piemonte bisognava andarli a prendere? Boh…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Sci alpinisti infortunati, doppio intervento sul Monte Grem tra i...