info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Micini abbandonati nel sacco della spazzatura a Dorga
Cronaca

Micini abbandonati nel sacco della spazzatura a Dorga

Micini abbandonati nel sacco della spazzatura a Dorga, l'allarme delle associazioni animaliste: "Situazione randagismo come 30 anni fa"

Domenica mattina a Dorga, frazione di Castione della Presolana, un ragazzo ha notato un sacco di plastica nero con all’interno qualcosa che si muoveva. Avvicinatosi, ha trovato 3 micini abbandonati. Il giovane ha così chiamato una volontaria di Gaia Animali E Ambiente della sezione della Val Seriana. A rendere noto il fatto è la stessa associazione animalista che spiega: “Gatti nei sacchi in Val Seriana come un po’ in tutta Italia si trovavano 30 anni fa”, commenta il presidente di Gaia Animali E Ambiente Edgar Meyer. “Oggi è inammissibile. E’ tristissimo dover registrare episodi di tale abbruttimento culturale nel 2021. Stiamo verificando la presenza o meno di telecamere in quel tratto: le leggi dello Stato italiano sono chiare e chi ancora si macchia di questi gesti va punito pesantemente”.

Micini abbandonati, il ritrovamento di Dorga non è un caso isolato

“La situazione in Val Seriana sta diventando difficile – spiegano ancora dall’associazione -. Vicino al cimitero di Clusone ci sono gatte con cuccioli rimaste abbandonate in quanto il proprietario è deceduto, sulla strada che porta alla località “Spessa” ci sono altri gatti con tanti cuccioli abbandonati. A Rusio è stata ufficializzata da poco una nuova colonia. A Bratto ha tenuto banco per mesi la sterilizzazione, poi realizzata dalle volontarie di Gaia Valseriana, di gatti e gatte insediati nel giardino di una scuola. Sempre a Bratto si recano quotidianamente alcune volontarie per la cura e la gestione di varie colonie. A Dorga un volontario sfama decine di gatte, tutte femmine con cuccioli: una micia li ha portati sotto un’auto da demolire, sul ciglio della strade. E tante altre situazioni analoghe di abbandoni. Le volontarie sono piene di cuccioli da fare adottare e di emergenze da fronteggiare. E’ necessario un aiuto delle istituzioni. E di tutti i cittadini perché ci sono decine di cuccioli e di adulti bellissimi, in attesa di adozione”.

“A chiunque fosse interessato a portarsi a casa un animale, chiediamo di adottare invece che acquistare. Noi siamo pieni di anime in cerca di casa. Per adottare: gaiaanimaliambiente@gmail.com”. “Inoltre si va verso le ferie e questa “esplosione” demografica di mici è preoccupante”, sottolinea Meyer. “Sappiamo che il sindaco di Castione Angelo Migliorati è sensibile al tema della tutela dell’ambiente e degli animali”, conclude Meyer. “Siamo disponibili a trovare soluzioni assieme ai sindaci della zona e alla Asl. Noi e le instancabili volontarie ci siamo”.

Tutti i diritti riservati ©

2 Commenti

  • . ha detto:

    Il problema abbandono e randagismo, va risolto con sterilizzazione obbligatoria di cani e gatti. Finché ciò non si farà, mai ne usciremo.

    • . ha detto:

      I Veterinari in primis dovrebbero consigliare la sterilizzazione del proprio amico a quattro zampe (se non si vuol avviare allevamenti con lo stesso) perché non lo fanno?
      Perché sanno perfettamente che un animale sterilizzato, non andrà incontro a delle malattie che possono colpire animali non sterilizzati.
      Pertanto, meno lavoro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
A Dossena in Valle Brembana il ponte tibetano più lungo...