info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Mortalità in Italia, nel 2020 centomila morti in più per il Covid
Cronaca, La Valle nel VIRUS

Mortalità in Italia, nel 2020 centomila morti in più per il Covid

Nel 2020 la mortalità in Italia è stata la più alta mai registrata dal Dopoguerra in poi.

Il rapporto Istat-Iss sull’impatto del Covid in Italia torna a gettare luce sui numeri della pandemia in Italia evidenziando che nel 2020 la mortalità in Italia è stata la più alta mai registrata dal Dopoguerra in poi. Secondo lo studio inoltre nell’anno della pandemia sono stati registrati complessivamente 746.146 decessi, 100.526 in più rispetto alla media 2015-2019 (15,6% di eccesso). Considerando le variazioni nei tassi standardizzati di mortalità, poi, la mortalità ha registrato nel 2020 un aumento del 9%, rispetto alla media del quinquennio 2015-2019; le regioni che riportano aumenti significativamente più alti sono Piemonte, Valle D’Aosta, Lombardia e la Provincia autonoma di Trento. La stima del contributo dei decessi Covid-19 alla mortalità generale conferma come l’impatto sia più marcato nel genere maschile. Si evidenzia inoltre come la fascia di età in cui si riscontra un’incidenza maggiore di decessi Covid-19 sui decessi totali sia la 65-79 anni, in questa classe un decesso su 5 è attribuibile al Covid-19.

Mortalità in Italia: il 28 marzo 2020 è stato il giorno più tragico con 928 vittime

Il numero più alto di decessi giornalieri causa Covid si è registrato il 28 marzo 2020 con un totale di 928 vittime, mentre nella seconda ondata il record è stato registrato il 19 novembre con 805 morti. Lo rivela il nuovo rapporto Istat-Iss sull’incidenza della pandemia in Italia. Nei primi quattro mesi del 2021, sono stati riportati 42.957decessi. Se si considerano i soli mesi di marzo e aprile 2021 rispetto al 2020 i decessi riportati sono 21.004 rispetto ai 30.064 dei rispettivi mesi nel 2020. Complessivamente dall’inizio dell’epidemia il numero di decessi è avvenuto prevalentemente tra gli uomini (56,7%). 

La tendenza nel 2021

Analizzando la diffusione del virus nei primi mesi del 2021 le Province con il maggior tasso di incidenza sono state quelle del versante Nord-orientale: Bologna, Gorizia, Forlì-Cesena, Udine, Rimini, Bolzano/Bozen. Molto bassa appare l’incidenza in alcune province della Sardegna (Sud Sardegna, Oristano, Sassari), in alcune Province della Calabria (Catanzaro, Cosenza, Crotone) e della Sicilia (Ragusa, Enna, Agrigento). Rispetto all’intero anno 2020, nei primi quattro mesi del 2021 l’impatto dei decessi per Covid-19 sui decessi totali è aumentato soprattutto nelle regioni del Centro e del Mezzogiorno; questo accade sia perché è aumentata la capacità di rilevazione dei decessi Covid-19 da parte delle Regioni sia per lo scenario di diffusione del virus che è notevolmente mutato interessando le regioni del Centro e del Mezzogiorno, le quali avevano registrato una scarsa presenza del virus nella prima ondata (marzo-maggio 2020). Lo rivela il nuovo rapporto Istat-Iss sull’incidenza della pandemia in Italia.

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

  • Alberto ha detto:

    Uno dei tanti virologi da telesalotto che ha dettato la linea per un anno, preso a caso.

    Astrazeneca ai giovani
    7 aprile – Crisanti: “tra i più sicuri al mondo. Alle donne giovani lo consiglierei”
    8 aprile – Crisanti: “scelta ALLUCINANTE di EMA e Italia di non raccomandarlo ai giovani”
    10 giugno – Crisanti: “AZ ai giovani da Repubblica delle banane”
    E i dati di Pfizer sono pure peggiori, da mesi. Avanti così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Sulla riforma sanitaria della Lombardia da chiarire i rapporti tra...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!