info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Ansia e depressione peggiorate in oltre il 40% degli italiani durante il lockdown
Cronaca Bergamo

Ansia e depressione peggiorate in oltre il 40% degli italiani durante il lockdown

Ansia e depressione peggiorate in oltre il 40% degli Italiani durante il lockdown. Pubblicati, da un consorzio di ricercatori di ISS, Università di Genova e Pavia e Istituto Mario Negri, i risultati del primo studio rappresentativo della popolazione italiana adulta.

Oltre il 40% degli italiani ha riportato un peggioramento dei sintomi di ansia e depressione durante il lockdown nazionale dello scorso anno, con una riduzione della qualità di vita in più del 60% dei soggetti e ripercussioni sul ritmo sonno-veglia in più del 30%. E’ quanto emerge dal primo studio condotto in Italia su un campione rappresentativo della popolazione adulta e pubblicato in questi giorni sulla rivista Journal of Affective Disorders.

“I dati in nostro possesso sono molto solidi e parlano chiaro” commenta Andrea Amerio, ricercatore psichiatra dell’Università di Genova e primo autore dello studio. “L’utilizzo di psicofarmaci – prevalentemente ansiolitici – è aumentato del 20% rispetto al periodo pre-lockdown e tutti gli indicatori di salute mentale sono peggiorati. Questo è un trend che riscontriamo anche nella pratica clinica quotidiana, dove i nostri reparti si stanno facendo carico già da molti mesi di un aumentato bisogno di assistenza”.

Le donne hanno riscontrato un forte stato di ansia e depressione più degli uomini

Circa la metà delle donne italiane ha riportato un peggioramento del benessere psichico con un rischio di peggioramento dei sintomi depressivi e di alterazione della qualità del sonno, rispettivamente del 32% e 63% maggiore rispetto agli uomini. Lo studio è frutto del lavoro di un consorzio multidisciplinare che coinvolge psichiatri, esperti di sanità pubblica e biostatistici dell’Istituto Superiore di Sanità, delle Università di Genova e di Pavia, dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS.

“Le nostre analisi si basano su un campione rappresentativo di oltre 6000 soggetti che stiamo seguendo nel tempo – specifica Silvano Gallus, ricercatore del Mario Negri e coordinatore del consorzio – che ci permetteranno di analizzare come gli stili di vita e la salute mentale degli italiani si siano modificate e si stiano modificando nel tempo, a seguito delle restrizioni imposte per il controllo della pandemia da COVID-19”.

“Siamo molto soddisfatti di partecipare a questo progetto”, commenta Roberta Pacifici dell’Istituto Superiore di Sanità, “le analisi già condotte hanno misurato come la distribuzione di alcuni fattori di rischio comportamentali quali fumo, gioco d’azzardo e altre dipendenze sia stata influenzata dal contesto emergenziale che abbiamo vissuto e di come sia fondamentale intervenire con azioni mirate di prevenzione primaria”.

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

  • gianluca ha detto:

    mario negri e’ ottimo istituto ….epoche remote era anche centro studi veleni..
    che dire … manca a tutti anche a me tutti il lavoro..non ci sono progettazioni lavorative non ci sono programmazioni lavorative ..ma questo dal 1992 da quando sono uscito dall’universita’..politecnico..situazione degrada e peggiora sempre di piu’ …il ministero del lavoro non va non funziona sempre peggio se ne accorse tiziano treu…..quindi…..hanno inventato l’economia dei condomini
    legata ai cimiteri….i contributi imps non vengono pagati va eliminato il nero l’hanno quintuplicato..responsabilita’ politiche dopo il colpo di stato..chiamiamolo cosi’……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Burattini protagonisti in Val Seriana, torna la rassegna "Legno vivo"...