info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Sabato 5 marzo si inaugura il ponte della ciclopedonale tra Cene e Gazzaniga
CENE, Cronaca Media Valle

Sabato 5 marzo si inaugura il ponte della ciclopedonale tra Cene e Gazzaniga

Sabato 5 marzo si inaugura il nuovo ponte della pista ciclopedonale che collega i comuni di Cene e Gazzaniga

Sabato 5 marzo sarà inaugurato il nuovo ponte della pista ciclopedonale della Valle Seriana che collega i comuni di Cene e Gazzaniga. L’opera, importante perché restituisce alla piena fruibilità un tratto di pista ciclabile molto frequentato, anche ai fini del collegamento pedonale tra i due comuni, è frutto di una sinergia che ha visto la collaborazione di Regione Lombardia, Comunità Montana Valle Seriana, comuni di Cene e Gazzaniga. L’attuale passerella, che sostituisce il vecchio ponte in legno, è stata realizzata in lega metallica che garantirà alla struttura una lunga durata e che le conferisce un aspetto visivo armonico con il paesaggio circostante.

Necessario costruire strutture durature

È obiettivo della Comunità Montana, anche in riferimento alla pista ciclopedonale, la costruzione di infrastrutture durature, che valorizzino il territorio nel tempo. L’apertura della passerella è il secondo intervento finalizzato a rendere fruibile la pista ciclopedonale, mentre sono già state appaltate altre opere e investimenti per quanto attiene la messa in sicurezza del percorso. L’inaugurazione si terrà presso il ponte sabato 5 marzo 2022 alle ore 11.00, alla presenza di
numerose Autorità.

Tutti i diritti riservati ©

2 Commenti

  • Paolo ha detto:

    E un bel chi se ne frega?? Riaprite il ponte stradale di Fiorano, tutti i giornidecine di lavoratori devono fare 10 chilometri in piu, 400000 euro per il ponte cjclabile, per l’altro bisogna aspettare quanto?

  • marco masserini ha detto:

    Veramente a volte non capisco le reazioni della gente. E’ vero che il ponte della pista ciclabile di Gazzaniga-Cene è stato chiuso per quasi tre anni, giustamente poichè pericoloso e marcio in quanto fatto in legno sopra un fiume, e sicuramente ha creato disagi che nessuno di noi avrebbe voluto. Però ora che grazie a qualcuno che se ne è fatto coraggiosamente carico arrivando dopo, cioè a fine 2019, è stato riaperto, che senso ha protestare per il passato? E lo stesso abbiamo fatto per tutti gli altri ponti o simili della pista che vedranno a breve la loro sostituzione, ovviamente quelli della viabilità ANAS (ponte stradale di Fiorano-Val Gandino) non sono alla nostra portata delle nostre competenze. Ma ogni tanto qualcuno riesce a vedere il bicchiere mezzo pieno? oppure preferisce vedere il bicchiere completamente vuoto per potersi lamentare ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Scivola per 40 metri in un canale sul Monte Cimone,...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!