info@valseriananews.it
Valseriana News > EVENTI > Peia: da sabato 5 marzo il sacro Triduo dei Morti
EVENTI, PEIA Val Gandino

Peia: da sabato 5 marzo il sacro Triduo dei Morti

Da sabato 5 marzo a Peia si celebra il sacro Triduo dei Morti. Quest’anno ricorre il 250° della prima citazione documentale del Triduo

Prendono il via sabato 5 marzo a Peia per il Sacro Triduo dei Morti. Un appuntamento particolarmente atteso dalla comunità, che rientra (ogni anno alla prima domenica di Quaresima) nel ciclo cadenzato di appuntamenti che vede allestite nelle diverse chiese della Val Gandino le grandiose Raggiere devozionali. Non sfugge alla regola la comunità di Peia, oggi retta dal parroco don Alberto Gervasoni. Quest’anno ricorre anche un particolare anniversario: il 250° della prima citazione documentale del Triduo, rinvenuta nel “libro dei Maneggi” della parrocchia (di fatto il libro contabile) del 1772. Nella chiesa parrocchiale è stata montata, grazie ai volontari, la grande Raggiera per la quale è incerta l’attribuzione dell’artista.

A livello stilistico il manufatto richiama quello maestoso dei Caniana nella Basilica di Gandino (sarà visibile dal 12 al 14 marzo, seconda domenica di Quaresima) e nel 1873 fu oggetto di un importante intervento di doratura da parte di Angelo Giupponi di Lovere. L’apparato, complice la Grande Guerra, andò un poco in disuso nei primi decenni del XX secolo e fu riattivato (con luci elettriche) nel 1926. Per diversi anni esso veniva montato e lasciato in chiesa sino a Pasqua, quando venivano celebrate le Quarantore immediatamente successive al Venerdì Santo, con sette processioni che dalle diverse contrade confluivano alla parrocchiale.

Il programma delle celebrazioni del sacro Triduo

Il programma delle celebrazioni sarà accompagnato dalle riflessioni di padre Riccardo Regonesi. Sabato S.Messa alle 18, mentre domenica 6 marzo messe alle 8, 10 e 18 e vespri pomeridiani alle 15 con benedizione eucaristica e canto del Miserere da parte della Corale S.Antonio. Lunedì 7 marzo la solenne giornata di chiusura, con le lodi mattutine alle 7.45, le messe alle 8 e alle 10 (con sacerdoti nativi e che a Peia hanno prestato servizio pastorale). Alle 15.30 i Vespri e la Benedizione eucaristica ed alle 20.30 la S.Messa di chiusura con il canto del Miserere.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Il ciclismo: origine, storia ed evoluzione

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!