info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > L’aeroporto di Orio è il più puntuale d’Europa nella prima decade di luglio
Aeroporto di Bergamo, Cronaca

L’aeroporto di Orio è il più puntuale d’Europa nella prima decade di luglio

Nella prima decade di luglio, caratterizzata dalla difficile situazione nella gestione del traffico aereo nei cieli europei, l’aeroporto di Orio al Serio risulta quello in cui l’impatto è stato più contenuto e meglio gestito, con il 3% di voli in ritardo e un volo cancellato ogni 100 programmati

L’aeroporto di Orio al Serio registra il migliore indice di puntualità nel panorama europeo del trasporto aereo. E’ quanto emerge dal rapporto sui ritardi e cancellazioni rilasciato dall’agenzia specializzata Hopper Inc. sulla base dei dati raccolti attraverso Official Aviation Guide, banca di informazioni e analisi sulle performance di aeroporti e compagnie aeree. Nella prima decade di luglio, caratterizzata dalla difficile situazione nella gestione del traffico aereo nei cieli europei, che ha comportato un numero elevato di ritardi (con percentuali tra il 60 e il 70%) e cancellazioni nei maggiori aeroporti internazionali, l’aeroporto di Orio al Serio risulta quello in cui l’impatto è stato più contenuto e meglio gestito, con il 3% di voli in ritardo e un volo cancellato ogni 100 programmati. 

A contribuire al risultato, da un lato l’aspetto operativo, caratterizzato dalla gestione dei flussi di passeggeri pure in notevole crescita fino a pareggiare i livelli pre-Covid e dal rispetto del turn-around degli aeromobili al suolo, e dall’altro l’effetto positivo dei recenti adeguamenti infrastrutturali che consentono risparmio di tempo e una maggiore capacità di utilizzo dei piazzali. Al raggiungimento della performance contribuisce la professionalità e la dedizione del personale del Gruppo SACBO e di tutti gli Enti e le Aziende a vario titolo operanti sullo scalo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Senza due medici di famiglia sui tre previsti e senza...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!