Fare tutto e in contemporanea potrebbe essere pericoloso per il nostro cervello: quella che sembra un’opportunità è dannosa per le prestazioni cognitive. Telefonate, email, social e chat. Siamo sempre connessi e multitasking, ma questo non significa essere efficienti: fare troppe cose insieme può renderci meno produttivi. L’allarme è stato lanciato dal neuroscienziato Daniel J. Levitin.

Pensiamo di essere multitasking e di essere capaci di fare diverse cose contemporaneamente ma non ci rendiamo conto del fatto che si tratta di una potente illusione che si rivela essere anche dannosa per la nostra salute mentale. Chi usa allo stesso tempo pc, tablet, smartphone e altri dispositivi saltellando da un’attività all’altra, rischia il restringimento della materia grigia.

Il neuroscienziato Daniel J. Levitin, direttore del Laboratory for Music, Cognition and Expertise alla McGill University e autore del libro “La mente organizzata: restare lucidi nell’era dell’eccesso di informazione”, in un articolo pubblicato sulle pagine scientifiche del quotidiano britannico “The Guardian” ribadisce la tesi già abbozzata da alcuni suoi colleghi: il multitasking rende meno efficienti.

Earl Miller, un neuroscienziato del MIT e uno dei massimi esperti mondiali di attenzione divisa, dopo diversi studi è giunto alla conclusione che il nostro cervello non è cablato bene per il multitasking. Secondo un altro studio inglese svolto dall’università di Sussex, seguire la filosofia del multitasking crea seri danni al cervello. Tra uomini e donne, sono risultate più a rischio le seconde.

Quando pensiamo di stare facendo multitasking, stiamo solo passando da un’attività a un’altra molto velocemente, ma ogni volta c’è un costo cognitivo: tutto ciò porta a un vero e proprio esaurimento delle funzioni cerebrali e a una riduzione della materia grigia.

Glenn Wilson, ex docente a contratto di psicologia presso Gresham College di Londra, lo chiama info-mania, la sua ricerca ha scoperto che trovarsi in una situazione in cui si sta cercando di concentrarsi su un compito e si ha una e-mail non letta nella posta in arrivo, può ridurre il QI (Quoziente Intellettivo) effettivo di 10 punti. Wilson ha mostrato che le perdite cognitive da multitasking sono ancora superiori alle perdite cognitive dei fumatori di cannabis.

Gli stessi studiosi che sono giunti a questa determinazione cercano anche i rimedi ai danni cerebrali; purtroppo per ora tali rimedi sono abbastanza limitati, ma già si pensa all’utilizzo di cellule staminali circa eventuali effetti collaterali dovessero aumentare.

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.