Tricolore nelle scuole grazie agli Alpini: a dieci anni di distanza dall’avvio di questa iniziativa nella provincia di Bergamo, i numeri sono in crescendo. Dalle 91 scuole aderenti nell’anno scolastico 2006/2007, si è arrivati al picco di 170 l’anno dell’adunata nazionale a Bergamo, per poi assestarsi ad oltre 160 gli anni a seguire.

Di conseguenza, è aumentato anche il numero di studenti e studentesse che hanno partecipato alle lezioni, arrivando nell’anno scolastico, coincidente con l’adunata a Bergamo, a oltre 9 mila (9284, per la precisione).

Le lezioni sono rivolte agli alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado, ossia le ex terze medie. Vi proponiamo un’analisi di Mario Venturi, responsabile del progetto.

Questi sono i dati della Sezione, ossia di tutta la provincia. Ma in Valle Seriana, come siamo messi?

La Valle Seriana è compresa nell’Area 3; anzi, direi che ne è la parte principale e comprende inoltre la Val Gandino e la Val di scalve; nell’area 3 troviamo infatti la Bassa Valle Seriana (zona 13), l’alta Valle Seriana Est (zona 17), la media Valle Seriana Sud (zona 14), la media Valle Seriana Nord (zona 16) e l’alta Valle Seriana Nord (zona 18). A queste, si aggiungono appunto la Val Gandino (zona 15) e la Val di Scalve (zona 19).

Fatta questa precisazione, dobbiamo aggiungere che i dati pubblicati riguardano l’intera area 3, ma anche al netto delle due zone Val Gandino e di Scalve, i numeri sono comunque importanti e testimoniano una crescita costante.

Vediamo il dettaglio degli anni, partendo dall’anno scolastico 2011/2012.

In questo periodo sono stati effettuati 26 incontri/lezione su 32 scuole, per un totale di 1315 alunni; pressoché stabile l’andamento l’anno successivo, grazie ad un aumento degli incontri (28), con lo stesso numero di alunni nonostante 5 classi non avessero aderito.

Decisamente meglio l’anno scolastico 2013/2014, con ben 70 classi aderenti al progetto e 1558 alunni. Un picco, questo, che ha permesso comunque di mantenere i ragazzi e le ragazze al di sopra dei 1300 anche l’anno scolastico successivo.

Il posizionamento, a livello sezionale, è subito dopo le prime due aree sia per numero complessivo di incontri, di classi e di alunni.

Stiamo parlando di numeri considerevoli: 102 incontri, 254 classi e 5513 alunni in quattro anni, quindi con una media di quasi oltre 1300 studentesse/studenti, pienamente in linea con i dati censiti.

Non è ovviamente una graduatoria; sono molti i fattori che giocano un ruolo importante in questa iniziativa. Basti pensare alla localizzazione delle scuole: ce ne sono molte più in pianura che nelle valli. Un ruolo determinante lo ricoprono i Dirigenti scolastici e soprattutto il corpo docente, cui va riconosciuta una forte sensibilità all’argomento e che cogliamo l’occasione di ringraziare per l’impegno.

Un grazie anche a tutti i Capigruppo ed ai relatori, che con tenacia tengono vivo questo progetto.

Quali sono gli argomenti?

Come dice il titolo del progetto stesso, nelle due ore di lezione si parla della nascita del Tricolore passando attraverso cenni di storia, con un occhio di riguardo alla storia degli alpini. Ma si parla anche della nostra opera di volontariato e di protezione Civile. Il tutto supportato da strumenti multimediali. E, al termine della lezione, vengono consegnate ad ogni alunno /alunna , una copia della Costituzione della Repubblica e, ovviamente, una Bandiera Italiana. E’ possibile anche organizzare la lezione presso i locali della Sezione di Bergamo, con visita al Museo Alpino.

Come fare per avere informazioni o prenotare una lezione?

Si può telefonare alla sezione di Bergamo (035.311122 – 310359), oppure attraverso il sito internet all’indirizzo www.anabergamo.it; cliccando sul pulsante “Tricolore nelle scuole” in homepage si accede alle pagine dedicate, dove c’è un modulo per contattare on line la Commissione.

Daniele Bernabei

 

Nella foto: una consegna del Tricolore in Valle Seriana

 

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.