La stagione autunnale dopo lunga “Estate di San Martino” ora volta pagina, e dalla mitezza dei giorni scorsi si passerà ai primi freddi invernali. L’Alta pressione che per un paio di settimane ci ha regalato giornate splendide, con temperature prettamente primaverili specie sui nostri Monti, nei prossimi giorni si trasferirà sul Nord Atlantico.

Così facendo favorirà la discesa di aria artica verso il bacino del Mediterraneo, portando un calo termico almeno di una decina di gradi, ma con poche precipitazioni per le nostre Valli. La nuvolosità si addosserà alla Catena alpina nel pomeriggio di venerdì 20 novembre, ma i fenomeni precipitativi saranno molto deboli. Solo nella mattinata di sabato 21 novembre avremo deboli precipitazioni, con debole nevischio ancora a quote elevate (a circa 1800 metri).

Con il transito del nucleo freddo nella mattinata di domenica 22 novembre, le temperature subiranno un vero tracollo. Se nei giorni scorsi ritrovavamo massime anche di 16-17°C (valori stimati per la località di Castione della Presolana) queste riusciranno con estrema fatica a superare i 2-3°C.

Stesso per le minime, che passeranno dai tepori mattutini di 6-7°C, a valori prettamente invernali attorno ai -7°C. Il culmine del freddo sarà raggiunto all’inizio della nuova settimana, con estese gelate fino al piano.

Porterà la neve anche a basse quote questa prima ondata di freddo invernale?

Dalle ultime analisi dei Centri di Calcolo americani ed europei, tra giovedì 25 e venerdì 26 novembre un fronte perturbato raggiungerà il bacino del Mediterraneo portando precipitazioni anche moderate. Il “cuscino” freddo che l’aria gelida ci avrà lasciato in eredità nel suo passaggio, potrebbe favorire nevicate anche nei nostri fondi valle. La neve potrebbe così cadere a Ranica e anche a Villa di Serio.

Ne riparleremo nel prossimo appuntamento.

A presto e buon fine settima anche se farà più freddo!

Porro Fabio

 

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.