info@valseriananews.it
Valseriana News > EVENTI > Raggiera e Confraternite, a Gandino arrivano i giorni del Triduo
EVENTI

Raggiera e Confraternite, a Gandino arrivano i giorni del Triduo

In Basilica a Gandino il monumentale capolavoro dei Caniana, sabato 11 marzo il raduno delle nove Confraternite della Val Gandino Una grande tradizione di fede, che ogni anno riporta nella Basilica di S.Maria Assunta la maestosa Raggiera, capolavoro dei maestri Caniana. E’ ormai completato a Gandino il montaggio del maestoso apparato per il Triduo dei […]

In Basilica a Gandino il monumentale capolavoro dei Caniana, sabato 11 marzo il raduno delle nove Confraternite della Val Gandino

raggiera-triduo-gandino

La raggiera del Caniana

Una grande tradizione di fede, che ogni anno riporta nella Basilica di S.Maria Assunta la maestosa Raggiera, capolavoro dei maestri Caniana. E’ ormai completato a Gandino il montaggio del maestoso apparato per il Triduo dei Morti, che verrà celebrato da sabato 11 a lunedì 13 marzo.

E’ una ricorrenza cui i gandinesi sono molto legati per il ricordo dei propri cari nella preghiera, cui si unisce un aspetto esteriore di assoluta suggestione. A caratterizzare l’allestimento sarà la grande Raggiera che (con un diametro della sola parte lignea di più di 5 metri) si erge dietro l’altare maggiore. Fu realizzata fra il 1788 e il 1791 dalla bottega di Giovanbattista Caniana, dopo che i gandinesi, una ventina d’anni prima, ritennero non sufficientemente maestosa quella realizzata da Donato Andrea Fantoni. Di questa prima realizzazione resta oggi un disegno nell’Archivio Fantoni di Rovetta.

L’enorme incastellatura tocca i 12 metri di altezza e prevede ben 116 candele che, una per una, vengono sapientemente sistemate. Completano l’allestimento i raggi con vetri policromi ora illuminati da lampadine elettriche (un tempo lumini) con l’effetto dei colori dell’iride secondo la visione dantesca di Dio.

Il gruppo dei “raggieri” che montano l’apparato è formato da volontari che si tramandano il compito di padre in figlio, seguendo un protocollo che la tradizione orale trasmette da secoli.

Il programma delle celebrazioni si aprirà sabato 11 marzo con il raduno, presso il convento delle orsoline, delle nove Confraternite della Val Gandino: Ss. Sacramento di Gandino, Cazzano S. Andrea e Barzizza, Ss. Trinità di Cirano, Madonna del Carmine, Madonna Addolorata (Suffragio) e S. Giuseppe di Gandino, Madonna d’Erbia di Casnigo, S. Rocco di Leffe. Alle 10.15 un corteo orante raggiungerà la Basilica per la S.Messa delle 10.30.

A presiedere i tre giorni di celebrazione sarà don Gilberto Sessantini, priore della basilica di S. Maria Maggiore in Bergamo e direttore dell’Ufficio liturgico di musica sacra della Diocesi. Lunedì 13 marzo alle 10.30 la concelebrazione in Basilica sacerdoti nativi, del Vicariato e coloro che hanno prestato servizio a Gandino. Domenica e lunedì, alle 15, sono in programma le funzioni pomeridiane. Lunedì le scuole e numerose aziende del paese saranno chiuse. Le celebrazioni saranno accompagnate dalla Corale Luigi Canali. Il Museo della Basilica sarà aperto per visite guidate.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente
Articolo precedente
Eletto a Leffe il nuovo presidente e il nuovo direttivo.  A...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!