Regione Lombardia smentisce l’ipotesi della realizzazione di una ZPS sul Monte Misma.

La cima del Monte Misma domina la bassa Val Seriana

E’ circolata negli scorsi giorni l’ipotesi dell’istituzione di una ZPS, Zona di Protezione Speciale, in località Monte Misma, Monte Pranzà e Monte Altino a cavalo tra la bassa Val Seriana e la Val Cavallina. A smentire la notizia direttamente da Regione Lombardia l’assessore Claudia Terzi e il consigliere Roberto Anelli.

“Sull’istituzione di una ZPS – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile, Claudia Terzi -, posso dire che allo stato non risulta vi sia alcuna procedura aperta. In passato ci erano giunte delle voci di questo tipo, ma nulla è stato poi concretizzato. Nient’altro che una ipotesi, come tante altre di cui abbiamo sentito parlare negli anni”. La Terzi intende rassicurare il presidente della Pro Segugio Bergamo, Giancarlo Bosio, che in una lettera indirizzata ai sindaci di Albino, Pradalunga, Trescore Balneario, Vigano San Martino e Borgo di Terzo aveva espresso preoccupazione in merito alla realizzazione di una ZPS.

“Ho fatto una verifica nei nostri uffici – spiega l’assessore regionale – al momento, non risulta avviato alcun iter. Ci tengo a rassicurare il territorio: le preoccupazioni risultano infondate”.

In merito alla questione, anche il consigliere regionale Roberto Anelli, ribadisce la posizione di Regione Lombardia: “Ho ricevuto diverse telefonate di persone che chiedevano approfondimenti sulla questione. Ho sentito immediatamente l’assessore Terzi che ringrazio per il rapido riscontro. In sostanza – conclude Roberto Anelli – le preoccupazioni emerse dal territorio risultano infondate. Presso Regione Lombardia non risultano avviate relative procedure per la realizzazione di una ZPS”.

Tutti i diritti riservati ©

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.