info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Il primario di Cardiologia lascia Seriate ma resta in Val Seriana
Cronaca

Il primario di Cardiologia lascia Seriate ma resta in Val Seriana

Maurizio Tespili, primario di Seriate di Cardiologia, lascia l’ospedale bergamasco ma rassicura i pazienti spiegando che resterà sul territorio. E’ notizia dei giorni scorsi: Maurizio Tespili, primario di Seriate di Cardiologia, dal primo aprile lascia l’ospedale pubblico bergamasco per traghettare al gruppo ospedaliero privato milanese San Donato. Qui Tespili porterà avanti il suo lavoro nel reparto […]

Maurizio Tespili, primario di Seriate di Cardiologia, lascia l’ospedale bergamasco ma rassicura i pazienti spiegando che resterà sul territorio.

Tespili e Zanotti

E’ notizia dei giorni scorsi: Maurizio Tespili, primario di Seriate di Cardiologia, dal primo aprile lascia l’ospedale pubblico bergamasco per traghettare al gruppo ospedaliero privato milanese San Donato.

Qui Tespili porterà avanti il suo lavoro nel reparto di cardiochirurgia, ad oggi non presente a Seriate. Una scelta professionale la sua, che ha fatto molto discutere soprattutto riguardo al passaggio dal pubblico al privato ma che gli permetterà di operare applicando gli interventi più innovativi.

Il chirurgo è infatti il primo in Lombardia per angioplastiche e rassicura comunque i pazienti bergamaschi spiegando che resterà sul territorio.

In primis continuando ad operare agli Ospedali di Ponte San Pietro e di Osio Sotto-Zingonia facenti parte degli Istituti Ospedalieri Bergamaschi che resteranno in capo a Tespili. Ma ancora più importante per la Val Seriana è la continuità della presenza del medico al Poliambulatorio Zanotti a Ponte Selva di Parre dove continuerà la collaborazione con il titolare Angelo Zanotti per seguire i pazienti della zona.

“Ho incontrato Tespili nei giorni scorsi – spiega Zanotti – e abbiamo concordato di comunicare la sua continua presenza in Val Seriana e in bergamasca in modo da rassicurare i pazienti della zona”.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Sono 3500 in nuclei familiari in provincia di Bergamo a...