Con la mia rubrica sono in ritardo, generalmente l’articolo esce il lunedì sera, ma confesso che quest’anno il lunedì di Pasquetta di sera sono crollata. Stavo per scrivere quando un momento di relax post cena mi ha colta e mi sono lasciata cadere tra le braccia di Morfeo, vista la giornata piena che avevo vissuto.

Per la gita fuori porta dopo essermi abbuffata a Pasqua, ho scelto il Trentino e il Lago di Caldonazzo con la pista ciclabile della Valsugana che lungo le Teme di Levico si snoda per ben 51 km.

Da Pergine, sul Lago di Caldonazzo, inizia questo percorso e lungo le rive del lago si arriva prima a Calceranica al Lago per continuare fino a Caldonazzo, pedalando tra campi, prati e frutteti di Levico Terme dove la pista si interrompe per la visita in centro al paese e bisogna poi impugnare una deviazione per giungere a Novaledo, per attraversare il caratteristico centro di Borgo Valsugana dallo stile spiccatamente veneziano. Si prosegue lungo le rive del Brenta, per visitare le  piccole cascate e grotte di Bigonda e si può proseguire fino a Tezze, dove comincia la regione Veneto.

Ovviamente io di questi 51 km, ne ho percorsi, stando ottimisti, circa 5, perché ho trovato il panorama eccezionale e la pista ben organizzata, ma non sono affatto abituata, non ho resistenza a livello di mountain bike e soprattutto avevo alle spalle già una sessione di yoga flex fitness sul lido del lago di Caldonazzo e ore di piscina, idromassaggio nella spa dell’hotel dove soggiornavo, ma soprattutto in vacanza voglio restare attiva sempre ma moderatamente, perché voglio staccare la spina, a modo mio ovviamente, perché per qualcuno forse non è completo relax, ma ognuno deve trovare il proprio equilibrio.

Equilibrio di cui parlava Einstein con la citazione che ho appositamente messo nel titolo. Io ad esempio ho bisogno di muovermi, crescere, visitare e sperimentare per sentirmi equilibrata a livello mentale. Se mi fermo mi sento in stallo, in blocco, in disagio, in perdita di opportunità.

Ognuno di noi dovrebbe chiedersi ciò che lo rende felice e sereno e ascoltare la risposta e mettercela tutta per concretizzarla. Trasformare velleità in volontà.

Se cerchi panorama eccezionale, quiete di lago, aria pura di montagna e possibilità sportive, il mio itinerario è consigliatissimo. Mi è talmente piaciuto che l’ho annotato tra i posti in cui devo tornare.

Per la serie: “Hai voluto la bicicletta? E ora pedala!”

Per restare sempre informato sulle attività FITNESS sempre aggiornate e più trendy che propongo, seguimi su facebook alla pagina “Giusy Gaiti – Fit by G” oppure sul mio sito web.

Tutti i diritti riservati @

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.