info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Famiglia sfollata ad Albino, si cerca una nuova casa
ALBINO, Cronaca

Famiglia sfollata ad Albino, si cerca una nuova casa

Oggi il sopralluogo per trovare una nuova casa alla famiglia sfollata a Casale di Albino dopo l’incendio di sabato che ha distrutto il loro appartamento. Mentre in molti stanno aiutando Cristina Biava, la mamma di 4 figli rimasta senza casa dopo l’incendio che sabato scorso ha distrutto il loro appartamento a Casale di Albino, oggi, […]

Oggi il sopralluogo per trovare una nuova casa alla famiglia sfollata a Casale di Albino dopo l’incendio di sabato che ha distrutto il loro appartamento.

Mentre in molti stanno aiutando Cristina Biava, la mamma di 4 figli rimasta senza casa dopo l’incendio che sabato scorso ha distrutto il loro appartamento a Casale di Albino, oggi, martedì 4 giugno si terrà un sopralluogo per valutare un’abitazione offerta dal Comune di Albino.

“Questa mattina alle ore 9,30 – spiega Vincenzo Ciceri, responsabile della Protezione civile di Albino – insieme a Cristina e a una dipendente comunale dei Servizi Sociali, andremo a visionare un appartamento messo a disposizione dal Comune, su nostra richiesta, nel complesso urbano Cà Gromasa”.

Lunedì invece è stata la giornata dedicata a rimuovere le macerie che grazie alla disponibilità della ditta Bergamelli di Albino saranno smaltite dalla stessa a loro spese. “Nel frattempo continua la solidarietà della gente che mette a disposizione ciò che ha. Grazie di cuore a tutti coloro che in questi giorni si sono resi disponibili ad aiutare concretante questa famiglia – conclude Ciceri -“.

Per effettuare una donazione per la famiglia di Cristina Biava è sufficiente effettuare un bonifico al seguente iban: IT10I0617552481000000690480 con causale “Contributo pro Cristina”.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Esenzioni del ticket sanitario per reddito:c'è tempo sino al 30...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!