info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Buone notizie > Presolana, sentieri cardioprotetti tra i primi in Europa
Buone notizie, CASTIONE DELLA PRESOLANA, Cronaca

Presolana, sentieri cardioprotetti tra i primi in Europa

Ai piedi della Presolana, sentieri cardioprotetti tra i primi in Europa. Proposto un giro ad anello da Castione al Monte Pora. Ai piedi della Presolana si sta realizzando una rete du sentieri cardioprotetti. A comunicarlo il sindaco di Castione della Presolana, Angelo Migliorati, che spiega: “Insieme al Corpo Volontari Presolana, con Promoserio ed altre realtà, […]

Ai piedi della Presolana, sentieri cardioprotetti tra i primi in Europa. Proposto un giro ad anello da Castione al Monte Pora.

La colonnina posizionata al Termen

Ai piedi della Presolana si sta realizzando una rete du sentieri cardioprotetti. A comunicarlo il sindaco di Castione della Presolana, Angelo Migliorati, che spiega: “Insieme al Corpo Volontari Presolana, con Promoserio ed altre realtà, stiamo realizzando, tra i primi in Europa, una rete di sentieri cardioprotetti”.

Posizionate in numerosi luoghi di passaggio e sosta delle colonnine con defibrillatore.

“Inoltre – conclude il sindaco -, particolare di non poco conto, le colonnine consentono di ricaricare gratuitamente il cellulare o la e-bike”. 

Il tragitto ad anello

Nello specifico il tragitto prevede la partenza da piazza Roma, dove già esiste una colonnina salvavita, per addentrarsi nel borgo di Rusio e raggiungere Baita Campo, dove vi è un altra colonnina. Da lì si sale al colle di Presolana e si passa da Malga Cornetto per arrivare al rifugio Carlo Medici ai Cassinelli. Lì verrà messa un altra colonnina. Dopodiché si prosegue per il passo della Presolana per dirigersi al Monte Pora. Al rifugio Termen altra colonnina. Dal Termen si apre un mondo di possibilità: o il ritorno a Dorga, dove una colonnina salvavita verrà posizionata in centro, o andare verso Onore o Songavazzo e dirigersi verso il lago d’Iseo.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Emergenza cinghiali: nel 2019 822 capi abbattuti in bergamasca, 5802...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!