info@valseriananews.it
Valseriana News > EVENTI > Pagnoncelli a Gandino racconta l’Italia dei sondaggi
EVENTI, GANDINO

Pagnoncelli a Gandino racconta l’Italia dei sondaggi

Verità su misura, Pagnoncelli a Gandino racconta “l’Italia che non c’è” dei sondaggi.

Un realtà inesistente e manipolata, che attraverso social e fake news diventa percezione concreta e fattore di distrazione politica e sociale. E’ in programma giovedì 20 febbraio alle 20.30 presso l’Auditorium della Biblioteca di Gandino, l’incontro dibattito dal titolo “Gli Italiani tra realtà e percezioni distorte”. L’incontro è organizzato dal locale Gruppo Lumen in collaborazione con la Commissione Cultura del Comune di Gandino. Ospite della serata, moderata da Giovanni Cominelli, sarà Nando Pagnoncelli, noto sondaggista e ricercatore sociale, presidente di IPSOS Italia.

Il sondaggista Pagnoncelli ospite a Gandino

Alla base dell’incontro c’è, oltre alla stretta attualità con cui ci confrontiamo ogni giorno, il libro “La penisola che non c’è” scritto dallo stesso Pagnoncelli e pubblicato da Mondadori nel maggio 2019.

Un volume che di fatto analizza il cortocircuito mediatico e di contenuti di una società che sempre più spesso si affida ai sondaggi. Questi vengono utilizzati per pianificare campagne elettorali, attività di marketing e scelte strategiche in ogni campo, ma che produce sempre più spesso (attraverso l’amplificazione incontrollata di social e interazioni virtuali) contenuti inaffidabili e fuorvianti.

In sostanza si richiede sempre più spesso “l’opinione della gente”, che finisce per basare il proprio pensiero su un mare di informazioni sbagliate e parziali. Uno strumento che lo stesso Pagnoncelli raccomanda di utilizzare con attenzione e metodo, evitando di farne un mero appoggio di strumentalizzazione politica.

“Il sondaggio – scrive – dovrebbe rimanere uno strumento di conoscenza” e non diventare “un oracolo che orienta”. La riflessione alla base della serata di Gandino e del libro di Pagnoncelli è però più ampia, e vuole rendere evidente quanto la percezione delle persone sia spesso assolutamente lontana dalla realtà. Ciò soprattutto rispetto a temi di grande rilevanza sociale come l’immigrazione, la povertà, la disoccupazione, il sistema sanitario.

Tutto questo genera una sorta di schizofrenia, per cui si protesta per tutto e per il contrario di tutto, favorendo il dilagare delle fake news.

Tutti i diritti riservati ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Ubi Banca, presentato il nuovo piano industriale: 2000 esuberi e...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!