info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Sport > Trail del Segredont, correre sarebbe il segnale più bello
Sport, VERTOVA Media Valle

Trail del Segredont, correre sarebbe il segnale più bello

Trail del Segredont: non si ferma la macchina organizzativa della corsa in programma a Vertova a maggio perché riuscire a correre sarebbe il segnale più bello.

Non si ferma la macchina organizzativa della corsa in programma a Vertova a maggio, il Trail del Segredont, perché riuscire a correre sarebbe il segnale più bello. Ovvero quello che l’emergenza sanitaria

L’edizione numero nove della gara bergamasca è infatti in programma domenica 17 maggio 2020 tra le gole della Val Vertova e gli anfiteatri dolomitici del monte Alben.

«Riuscire a mandarla in onda – dice il Gav Vertova – sarebbe il segnale più bello, quello di aver lasciato alle spalle il tragico periodo dell’emergenza sanitaria». Il Gav continua nei preparativi con l’intento di regalare una giornata di sport nella natura.

Il percorso rinnovato

Sveliamo subito la caratteristica più importante della gara di quest’anno. Viene riproposto il percorso in senso orario che quindi sarà identico a quello del 2018. Risalita dalla Val Vertova e discesa da Cavlera e Santuario di San Patrizio per un totale di 23 chilometri con un dislivello positivo di 1700 metri. Partenza e arrivo, come sempre, nel cuore di Vertova.

Si parte dal centro storico di Vertova, a quota 406 m slm, e si vira verso Semonte, si sale in località Cloca e poi si accede alla famosa Val Vertova, uno dei punti più spettacolari del tracciato, e la si risale fra le limpide piscine naturali che la caratterizzano. Ci si spinge in alto, verso i maestosi contrafforti del monte Alben. Si superano le preziose sorgenti e si raggiunge il bivacco Testa, per poi guadagnare la vetta del Segredont, cima Coppi a 1540 m di altitudine. Discesa tecnica fino a quota 1100, transitando dal passo Bliben.Oltre Dasla, anziché dirigersi in piano verso i prati di Cavlera, si svolta a sinistra inerpicandosi sulla costa erbosa che porta alla croce della cima Tisa, a quota 1317 m slm. Da lì in avanti è tutta discesa, una lunga discesa molto corribile, che riporta gli atleti nel centro di Vertova. Si calpesta il sentiero Cai n° 518 che ricalca per un lungo tratto il Sentiero di Honio, e si transita dall’antico Santuario di San Patrizio che, arroccato sopra il paese di Colzate, domina la Valle Seriana. I tempi da battere appartengono al piemontese Paolo Bert e alla trentina Lara Bonora, rispettivamente 2h09’54” e 2h48’24”.

I dettagli

Il costo d’iscrizione al Trail del Segredont è 25 euro. Il pacco gara allettante contiene una maglia tecnica a manica lunga a marca Crazy con il logo della manifestazione, garantita ai primi 350 iscritti.

L’iscrizione, oltre al pacco gara, comprende i ristori, il ricco pasta party, l’assistenza medica, il deposito borse. La gara è valevole per il campionato provinciale Csi di corsa in montagna.Gli organizzatori fanno inoltre sapere che, per adeguarsi alle normative del Coni, la competizione deve essere affiliata a una federazione o un ente di promozione sportiva. A tal proposito, va compilato il modulo di iscrizione in tutti i suoi campi, questo permetterà di procedere anche a un eventuale tesseramento giornaliero per chi non possedesse la tessera Fidal o una run card.

Ci si iscrive inviando una mail agli organizzatori (gav.vertova@libero.it ) allegando la copia della visita medica e compilando il modulo sopra citato.Tutte le informazioni e il modulo d’iscrizione sono reperibili sul sito www.gavvertova.it nella sezione dedicata al Trail del Segredont.

È possibile contattare gli organizzatori scrivendo a gav.vertova@libero.it.

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

  • GIUSEPPE VERDERIO ha detto:

    c’è qualcuno che deve essere considerato non un ottimista ma un incosciente come coloro che hanno permesso lo svolgimento dei vari carnevali ……naturalmente dopo esprimono vicinanza affetto ecc. ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Casnigo piange don Giuseppe Berardelli, arciprete della parrocchia di San...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!