info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Politica > Caparini: “Contiamo i morti per un Governo che non ha istituito le zone rosse”
Politica

Caparini: “Contiamo i morti per un Governo che non ha istituito le zone rosse”

L'assessore regionale Caparini: "Contiamo i morti per un Governo che non ha istituito le zone rosse".

Ad esprimersi oggi sulla questione zona rossa in bassa Val Seriana l’assessore al Bilancio della Regione Lombardia, Davide Caparini, che replica alle dichiarazioni del ministro Francesco Boccia, in merito al ruolo delle Regioni.

Francesco Boccia, ministro per gli Affari regionali, ospite della trasmissione “L’Intervista di Maria Latella” su Sky Tg24, ha detto: “Se l’autonomia è sussidiarietà è un conto, se l’autonomia è fare da soli perché si pensa di fare meglio la risposta è ‘No, perché crolli”, ribadisce il ministro che, nel corso del suo intervento, ha ricordato come la Sanità, secondo la nostra Costituzione, sia di competenza regionale. Lo Stato “sta aiutando tutte le Regioni secondo un programma mai visto prima dal dopoguerra in poi”. 

Subito è arrivata la replica del presidente Fontana e dell’assessore Caparini: “La Lombardia sta uscendo dalla crisi coronavirus malgrado questo Governo incapace di gestire l’ordinarietà, figuriamoci l’emergenza. Quando il ministro Boccia afferma che nessuna Regione ce l’avrebbe fatta da sola dice un’eresia”. 

Chieste zone rosse e non ottenute

“Se stiamo contando i nostri morti – aggiunge l’assessore Caparini – è anche a causa di un Governo che non ha istituito le zone rosse quando e dove gliele abbiamo chieste. E lo abbiamo chiesto con il supporto della scienza. Un Governo a cui abbiamo implorato di fare lo shutdown di tutta la regione arrivato con almeno due settimane di ritardo”.

ABBIAMO RICOSTRUITO LA QUESTIONE ZONA ROSSA MANCATA IN QUESTO ARTICOLO

Tutto da soli

“Ci siamo procurati – sottolinea – tutto da soli: unità intensive, medici e dispositivi di protezione individuale”. “Ci stiamo producendo – continua – le mascherine e ci siamo costruiti gli ospedali“. “A parte – conclude Caparini – accogliere negli aeroporti le squadre di Cuba, Russia, Albania e Polonia, arrivate grazie alle nostre relazioni internazionali e a Guido Bertolaso, questo Governo che ha fatto? Nulla. Adesso lavoriamo tutti a testa bassa, se il Governo va in tv lo faccia per spiegare ciò che fa non per polemizzare”.

Tutti i diritti riservati ©

17 Commenti

  • Renato ha detto:

    Sono anni che la sanità lombarda
    sta perdendo i pezzi.
    Per un esame mesi di attesa.
    Ospedali e reparti chiusi.
    Di chi è la colpa.
    Bergamaschi sveglia non fatevi
    fregare dai soliti politicanti.

    • max ha detto:

      certo che il governo non capisce un cazzo doveva fare zona rossa era meglio salvini il migliore berghe tensò le oregie

    • Emanuele ha detto:

      una riflessione su tutte:
      in Veneto l’approccio è stato ben diverso e con risultati ben diversi (e con lo stesso nostro governo mi sembra)

    • Eliseo ha detto:

      Concordo con Renato, speriamo che i bergamaschi si sveglino una volta per tutte. La sanità lombarda funziona in modo vergognoso da parecchi anni.

  • max ha detto:

    il governo ti tieni più tato ai estra comunitari che ha noi italiani e noi paghiamo tasse x loro certo tra governo e italia con questi politici che rubano non capisce che italia va molto male ——-GOVERNO SONO UNA MANICA DI LADRI ——–

    • Min ha detto:

      Miii max tu si sei un vero leghista docg.
      La tua grammatica scritta, ne é prova lampante.

      • al ha detto:

        Cerchiamo di non generalizzare: sono un bergamasco, della Valseriana, lavoro 10 ore al giorno (anche in questo periodo, e sono orgoglioso di essere leghista !!!!!!!!!!
        Al di là della grammatica, non vorrei che passasse il solito teorema che leghista=ignorante=razzista, poiché a me sembra che i veri razzisti in questa maledetta questione, siano stati ben altri….!!!! Con tutto il rispetto per i nostri morti, prima di tutto.

    • carmen ha detto:

      Guardate che fontana poteva chiudere da solo come ha fatto bonaccini

      • Alex ha detto:

        La regione non poteva chiudere le aziende questo può farlo solo il governo. Ci vuole un atto del governo, come per chiudere le scuole, è la stessa cosa. La Lombardia da sola non poteva chiudere le scuole. Stessa cosa per le imprese

    • Renato ha detto:

      Saranno punti di vista, ma devi esprimerti in ITALIANO.

  • gian ha detto:

    penso che della questione zone rosse tocchera far luce alla giustizia, se e quando si muoverà. per ora solo i giornalisti stanno facendo il loro dovere

  • max ha detto:

    ok carmen hai detto giusto fontana è una persona ignorante non sa distinguere il pericolo e spero che il viru colpise lui e che crepi cazzo

  • Pio ha detto:

    I casi che hanno scatenato l’inferno sono 2, il primo è l’ospedale di Alzano la gestione è tutta locale smettiamola di parlare di Roma, per il secondo la mancata creazione della zona rossa, qui la patata è bollente, in altre regioni la zona rossa l’ha creata la Regione appunto, Fontana avrebbe dovuto ftegarsene di Roma , in un caso di neccessità devi agire, a Roma non sanno nemmeno cosa è Nembro.

    • Gibi ha detto:

      Piantatela!! Come altre regioni hanno fatto, anche Regione Lombardia poteva fare zona rossa in modo autonomo !! Smettetela di nascondervi dietro a Roma !!

      • Alex ha detto:

        Scusate ripeto non voglio difendere nessuno ma le zone rosse le istituisce il governo per decreto. Altrimenti chi controlla che i divieti siano rispettati? La regione non può certo mandare i Carabinieri a fare posti di blocco!
        O l’esercito. Solo il governo può

    • al ha detto:

      Quasi d’accordo con Pio: né Stato né Regione si sono presi la responsabilità di instaurare una zona rossa quand’era ancora possibile ed efficace.
      Non sono d’accordo sul fatto che a Roma non si sappia neppure dove fossero Nembro e Alzano Lombardo: Codogno e Vò invece a Roma sapevano dov’erano?

  • Remo ha detto:

    Mi ripeto sull’argomento. La Regione poteva creare la zona rossa come hanno fatto altre. Certo non poteva chiudere le fabbriche, ma poteva chiudere i paesi con tutti quelli che stavano dentro (fabbriche comprese). Una bella responsabilità che la Lombardia ha preferito evitare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
Articolo precedente
Le nostre splendide Orobie... sono sempre là. Lo splendido video...

Iscriviti alla news letter

You have Successfully Subscribed!