info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > Bonus 400 milioni, quanto aspetta comune per comune in provincia di Bergamo
Cronaca Bergamo

Bonus 400 milioni, quanto aspetta comune per comune in provincia di Bergamo

Oggi martedì 31 marzo i comuni italiani riceveranno i contributi dal governo per i buoni spesa per un totale di 400milioni. Nell'articolo la ripartizione nei 243 comuni bergamaschi.

Per far fronte all’emergenza Coronavirus e aiutare chi sta attraversando la crisi economica il governo ha stanziato 400 milioni di buoni spesa che saranno gestiti dalla Protezione Civile. I buoni saranno utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari o prodotti di prima necessità.

Queste risorse arriveranno entro oggi martedì 31 marzo.

Come saranno ripartizionati i 400 milioni ai singoli comuni italiani?

L’80% del fondo per complessivi 320 milioni di euro, è ripartito in proporzione alla popolazione residente di ciascun Comune, com un minimo contributo di 600 euro per ciascun comune. L’altro 20% si concentrerà nelle zone più povere in base al parametro della distanza fra il reddito pro capite del Comune e quello medio nazionale (fonte https://quifinanza.it/).

Il comune che riceverà un numero di fondi maggiore sarà il comune di Roma, a cui spetteranno 15.081.448,63 euro. Il comune di Milano, invece, riceverà 7.279.992,68 euro.

Circa quaranta sono i piccoli comuni che riceveranno una somma di 600 euro. Su base regionale è la Lombardia a ricevere la quota maggiore di risorse, 55 milioni.

I sindaci potranno fronteggiare l’emergenza coronavirus distribuendo buoni spesa o generi alimentari e di prima necessità a chi ne abbia bisogno.

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

  • Stregabakeka ha detto:

    Chissà se qualche politico rinuncerà per tre mesi al suo stipendio… naaaa meglio fare verbali su chi esce di casa per recuperare i fondi????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
Coronavirus: a Bergamo 2000 badanti regolari rischiano il posto di...