info@valseriananews.it
Valseriana News > News > Cronaca > ASST Papa Giovanni XXIII: attivato il servizio per le videochiamate a casa
Cronaca Bergamo

ASST Papa Giovanni XXIII: attivato il servizio per le videochiamate a casa

L'ASST Papa Giovanni XXIII ha attivato per i pazienti covid-19 il servizio per le videochiamate a casa.

E’ entrato in funzione oggi 1 aprile il servizio che permette di mantenere i contatti con familiari dei pazienti ricoverati in tutti i reparti di degenza covid-19 dell’ASST Papa Giovanni XXIII. L’attività è garantita al momento dal lunedì al venerdì dalle 11 alle ore 15.30. Nel servizio sono comprese anche le terapie intensive ed il Pronto Soccorso. 

I dispositivi mobili utilizzati per le videochiamate

Notevole la dotazione di strumentazione tecnologica a disposizione per effettuare le videochiamate a casa: già presenti nei reparti 45 dispositivi tra mini tablet e smartphone. Altri 30 andranno ad aggiungersi in settimana. E’ previsto l’arrivo di molti altri dispositivi a breve e l’elenco si aggiorna di giorno in giorno grazie alla generosità di molti soggetti.

Tutti i dispositivi vengono controllati, messi in funzione e dotati di SIM e di software dal team di Antonio Fumagalli, direttore dell’ICT Information and Communications Technology, che proprio in questi giorni è impegnato tra l’altro nella messa a punto della rete informatica del presidio ospedaliero in via di ultimazione alla Fiera di Bergamo.

Sono già 30 i pazienti ricoverati in reparti Covid-19, inclusa una terapia intensiva, ad aver usufruito del servizio.

“Il servizio è stato molto gradito da parte di parenti e degenti – ha riferito Andreina Scotti, coordinatrice infermieristica di terapia intensiva -. Particolarmente emozionante il suo utilizzo da parte di due pazienti ricoverati in terapia intensiva, uno dei quali ha potuto parlare in videochiamata sia con il figlio che con la moglie”.

Tutti i diritti riservati ©

Un Commento

  • Luigi ha detto:

    Meno male, peccato che non sia cominciato prima come in qualche RSA, ma almeno per i prossimi ci sarà questo prezioso conforto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente
"La gente come noi non molla mai". Il video della...